Parte lo Yif 2013: grande affluenza di giovani e opportunità di lavoro da tutto il mondo. Berriola: “Ripartiamo dai ragazzi”

giovani

ROMA – Grande affluenza durante la prima giornata dello Young International Forum. Oltre 2000 gli studenti e i laurendi che hanno visitato la manifestazione. Ad attenderli 16 ambasciate, 8 associazioni giovanili, gli orientatori di Italia Orienta e centinaia di offerte di lavoro provenienti da oltre 20 Paesi esteri.

La manifestazione ha puntato anche quest’anno a creare un grande luogo open dove orientare i giovani a fare la scelta giusta, attraverso workshop sull’autoimprenditoria innovativa e sul lavorare in Europa, partendo dai  concorsi Epso. “Da un anno l’Italia si è dotata di una normativa organica per sostenere lo sviluppo di nuove imprese in grado di irrorare i settori più produttivi del Paese”, ha sottolineato Mattia Corbetta, della segreteria tecnica del Ministero dello Sviluppo Economico. “Le start up (ne abbiamo realizzate circa 1200) sono diventate un’arma messa in mano ai ragazzi, che cercano di crearsi un futuro. La nostra idea è che quando il lavoro non c’è, si può creare”. Così  anche l’associazione giovanile ItaliaCamp che nel corso del workshop “come crearsi il lavoro” ha dimostrato come anche in tempi di forte crisi occupazionale si possano costruire delle opportunità di lavoro.

Berriola: “Viaggiamo in direzione degli obiettivi di Horizon 2020”.“Abbiamo bisogno di mettere in piedi un grande progetto per i giovani”, ha sottolineato il presidente di Italia Orienta, Mariano Berriola durante il convegno inaugurale. “Dobbiamo lavorare sui contenuti per poter affrontare scelte difficili sia in termini di studio che di lavoro. La Fondazione Italia Orienta ha predisposto un progetto ad hoc per favorire l’occupabilità dei nostri ragazzi. L’unica strada per modernizzare il Paese è andare verso gli obiettivi di Horizon 2020”.

Flamment: “Nuove assunzione nella pubblica amministrazione”. Il presidente del Formez PA ha sottolineato che sempre più settori punteranno sui giovani perché sono loro i nuovi nativi digitali. “La Pubblica amministrazione è uno settori che prevede importanti assunzioni: non appena finito il blocco del turn over si moltiplicheranno i concorsi trasparenti con la diretta streaming di tutte le fasi  di selezione”.  E ha poi aggiunto: “I ragazzi devono investire su di loro e lo studio è l’arma per combattere la disoccupazione. I numeri lo dimostrano: circa il 65% dei laureati entro tre anni trova lavoro rispetto al 45% dei diplomati”.

Lo Young International Forum è un progetto di Italia Orienta, partner Formez PA, in collaborazione con Roma Capitale e La Pelanda. Media partner il Corriere dell’Università Job. La tre giorni si terrà dall’ 8 al 10 ottobre a Roma a “La Pelanda, Centro di Produzione Culturale” dalle ore 9.00 alle 1.30.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giovani e estero, parte lo Yif. Il Ministro Giovannini apre la kermesse dedicata all’internazionalizzazione

Next Article

Università di Perugia: domani si volta per il nuovo rettore

Related Posts
Leggi di più

Film horror in una scuola media: studenti svenuti

È accaduto in una scuola di Cremona durante una supplenza. Proiettata la pellicola "Terrifier" vietata ai minori: gli alunni più sensibili hanno accusato malori e nausea. Lettera di protesta inviata al preside