Giornalismo giovane

Al caffè Gambrinus la presentazione del Premio Ischia

Presso il caffè Gambrinus di Napoli è stato presentato il Premio Ischia e Coca Cola HBC Italia per il Giovane Comunicatore di Talento e il Futuro Giornalista.
Come sempre sarà una giuria a selezionare queste due figure professionali, la novità dell’edizione 2010 è che la selezione avverrà tra gli studenti della Scuola di Giornalismo dell’Università Suor Orsola Benincasa oltre che tra quelli della Business School de Il Sole 24 Ore. Il Preside della Facoltà di Scienze della Formazione Lucio D’Alessandro si è detto molto gratificato per la possibilità offerta ai suoi studenti. Investire nel futuro è ciò che da sempre si propone la Coca Cola HBC Italia, azienda attiva dal 1995, come ha spiegato Giangiacomo Pierini Public Affairs & Communications Manager. Elio Valentino Presidente della Fondazione Premio Ischia ha dichiarato: “Dare un’opportunità ai futuri giornalisti è un dovere istituzionale che ha sempre accompagnato lo spirito del nostro premio” e infatti in palio per i vincitori saranno messi a disposizione stage retribuiti e borse di studio.
Il Premio Ischia giunto ormai alla trentunesima edizione svolge non solo la consegna degli ambìti premi ma un’attività costante durante l’anno con organizzazione di mostre, convegni e dibattiti volti alla riqualificazione della regione. Quest’anno le premiazioni si terranno dal 2 al 4 luglio nell’isola ischitana.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

UNINAtunes

Next Article

Arte per tutti

Related Posts
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.
Leggi di più

Mai avvolgerla nella plastica o tenerla in tasca: ecco i consigli degli esperti per l’utilizzo della Ffp2: “Se non riceve umidità può durare fino a 40 ore”

Obbligatoria per viaggiare sui mezzi di trasporto e necessaria anche per seguire le lezioni in classe o andare al cinema: la mascherina Ffp2 è uno strumento con il quale stiamo familiarizzando sempre di più in queste settimane. Conservarla correttamente è indispensabile per poterla utilizzare per più di un giorno. "Mai indossarla sopra a una chirurgica".