Germania, il presidente del Bundestag ammette: “Sì, ho copiato la tesi”

Tesi copiata

Il presidente del Bundestag, Norbert Lammert (Cdu), e’ accusato di aver copiato la sua tesi di dottorato. Il quotidiano ‘Die Welt’ rivela che un anonimo ricercatore dal nome fittizio di “Robert Schmidt” ha scoperto in 42 pagine della tesi del titolare della seconda carica dello Stato numerosi passaggi, estratti da 21 fonti, contenenti delle irregolarita’.

L’anonimo cacciatore di plagi scrive che “di tutta evidenza, Lammert non ha letto gran parte della letteratura utilizzata e cio’ risulta in modo particolare dal fatto di aver ripreso numerosi errori caratteristici della letteratura secondaria”.

Alla domanda del giornale se con questo egli intenda affermare che il presidente del Bundestag abbia copiato la sua tesi di dottorato, “Schmidt” ha risposto affermativamente. Il cacciatore di plagi e’ lo stesso che aveva individuato quello compiuto dall’ex ministro federale dell’Istruzione e della Ricerca scientifica, Annette Schavan (Cdu), alla quale l’universita’ di Duesseldorf ha ritirato il titolo di dottore e che si e’ dimessa dalla sua carica nel febbraio scorso.

Nel marzo 2011 era stato l’ex ministro della Difesa, il barone Karl-Theodor zu Guttenberg (Csu), a doversi dimettere dopo lo scandalo prodotto dalla scoperta del plagio della sua tesi di dottorato.

A vedersi privare del titolo di dottore era stata in seguito anche la parlamentare europea del partito liberale, Silvana Koch-Mehrin. Nel frattempo Lammert ha dichiarato alla ‘Welt’ di aver steso la sua tesi di dottorato “secondo scienza e coscienza”, chiedendo all’universita’ di Bochum di “verificare immediatamente le accuse”.

Il presidente del Bundestag aveva ottenuto il titolo di dottore nel 1975 con una tesi sulle strutture organizzative della Cdu nel bacino della Ruhr.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scopre di essere incinta poche ore prima del parto

Next Article

30 borse di studio per neolaureati in professioni sanitarie

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".