Genova, i laureati alle selezioni McDonald’s: “Cerco lavoro per pagarmi l’Università”

selezioni Mc Donald's

In fila, sotto il sole, col miraggio di guadagnare mille euro al mese. Benvenuti alle selezioni come cameriere da McDonald’s, a Genova. I ragazzi, cartellina in mano e curriculum in bella vista, attendono pazientemente il proprio turno: un colloquio in cui mettere in mostra le proprie carte, giocarsi una paga che ti permette di rimanere all’università e di proseguire gli studi.

A dirigere l’organizzazione è Anis Gueddari, 28 anni, tunisino. E’ lui ad ascoltare i tanti ragazzi italiani in cosa, è lui a selezionarli. Sarà lui, infatti, a dirigere il nuovo punto Mc Donald’s che aprirà a Sottoripa a settembre, nel cuore del porto antico di Genova.

“All’inizio, con tutti i panini che devi preparare, vai in confusione – racconta ai candidati – ma se ti impegni e lavori duro, puoi fare carriera. Io, quando sono arrivato, ho imparato le ricette di tutti i panini in due giorni. Mi sono dato da fare, e in poco tempo sono arrivato a dirigere il Mc Donald’s di via XX Settembre”.

Su 800 candidati in fila, solo 25 otterranno il posto. I ragazzi, molti laureati, aspettano con calma il loro turno. La loro sembra quasi rassegnazione. “Io studio psicologia all’Università – racconta Silvia Bruni a Repubblica, vent’anni, un diploma al liceo Linguistico in tasca – in questo modo potrò mantenermi agli studi. Ho già lavorato come cameriera, mi piace il contatto con la gente”.

“Io sono geometra – spiega Elisabetta Oreste, 25 anni – mio padre è nel settore, ma la sua ditta ha chiuso per la crisi. Fino ad ora ho trovato solo impieghi come cameriera o lavapiatti in nero. Questo sarebbe il mio primo contratto”. “Ho provato a inviare il curriculum ovunque – dice Andrea Diamante, 21 anni ancora da compiere – mi sono diplomato allo Scientifico ma non ero sicuro di iniziare l’Università. Così, mi sono messo a cercare offerte di lavoro online, e sto bussando a bar, ristoranti, centri commerciali: niente da fare. Ho sentito dire che qui si possono guadagnare anche mille euro al mese. Sarebbe un miraggio”. Storie di ragazzi che non vogliono arrendersi alla crisi e che, pur di continuare gli studi, farebbero salti mortali. O anche panini.

Raffaele Nappi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lo scienziato che rivoluziona la tecnologia

Next Article

Il pianto dei bebè rivela se ha disturbi

Related Posts
Leggi di più

Film horror in una scuola media: studenti svenuti

È accaduto in una scuola di Cremona durante una supplenza. Proiettata la pellicola "Terrifier" vietata ai minori: gli alunni più sensibili hanno accusato malori e nausea. Lettera di protesta inviata al preside