Gelmini: “Sostegni concreti alla ricerca”

gelmini-1jpg.jpgUn miliardo e 600 milioni da destinare alla ricerca e all’innovazione nel Mezzogiorno. Tanti sono stati stanziati nell’ambito del Pon, il Programma operativo nazionale della ricerca e della competitività. Ad annunciarlo il ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, Mariastella Gelmini parlando alla settima Giornata della Ricerca di Confindustria.

Il ministro ha sottolineato che all’interno del Pon, un programma mirato alle regioni della convergenza “cioè a quasi tutte le regioni del Sud» ci saranno per la prima volta risorse pari a 100 milioni di euro per le imprese del Nord previste all’interno del più ampio Piano nazionale della ricerca”. Parlando alla platea di Confindustria, il ministro Gelmini ha ricordato il grande sforzo fatto per il Pnr “per prima volta dal Miur e da tutti i ministeri coinvolti ma anche dagli enti territoriali e di ricerca e dalle imprese”.

La Gelmini ha quindi sottolineato che l’obiettivo di alzare i fondi per la ricerca è un obiettivo sicuramente prioritario ma “l’obiettivo di arrivare al 2% del Pil di investimenti e ricerca è ancora troppo lontano”. Per il ministro inoltre gli investimenti in ricerca sono ancora “troppo frammentati e questa polverizzazione non ci aiuta ad avere un ruolo da protagonisti in Europa e soprattutto nel settimo e nell’ottavo programma quadro che portano centinaia di milioni alla ricerca europea, fondi ai quali – ha detto la Gelmini – l’Italia deve accedere da protagonista”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'Unesco promuove la cultura allo sviluppo sostenibile

Next Article

Controllori di traffico aereo per Enav

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"