Gelmini: ricercatori, “sono loro la parte più debole”

«Bisogna ripristinare un patto tra generazioni e allora si troveranno risorse per tutti, ma se la coperta è corta, la scelta deve essere fatta per la parte più debole, che oggi sono i ricercatori». Da Viareggio, il ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini ha rassicurato i più scettici sulle intenzioni del Governo e sull’impatto del ddl di riordino del sistema universitario ora all’esame del Parlamento.

«Bisogna ripristinare un patto tra generazioni e allora si troveranno risorse per tutti, ma se la coperta è corta, la scelta deve essere fatta per la parte più debole, che oggi sono i ricercatori». Da Viareggio, il ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini ha rassicurato i più scettici sulle intenzioni del Governo e sull’impatto del ddl di riordino del sistema universitario ora all’esame del Parlamento.
«La riforma – ha spiegato riferendosi al problema dei ricercatori – prevede di accelerare l’ingresso dei giovani nel mondo dell’università e di abbassare l’età media. Purtroppo ereditiamo un precariato amplissimo, frutto delle scelte del passato. Un precariato che dà comunque un grande contributo all’università perché‚ sono giovani che non fanno solo ricerca ma anche didattica», ha osservato pur ribadendo massima stima e rispetto per chi ha più di 65 anni.
Sulla necessità di far spazio ai giovani il ministro ha insistito molto. «Il problema dei giovani non impegnati nel mondo del lavoro o in quello dello studio – ha precisato – è il problema numero uno dell’Italia.Uno dei compiti che il presidente Berlusconi mi ha affidato è di favorire una sinergia tra sistema formazione e mondo lavoro. Se l’università continuasse a essere autoreferenziale, per i giovani trovare lavoro diventerebbe un’impresa quasi proibitiva».
A dare man forte alla titolare del dicastero dell’Istruzione la collega Giorgia Meloni secondo la quale investire sui precari dell’università significa credere davvero nel principio della meritocrazia e dell’uguaglianza, nel punto di partenza.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Un primo assaggio di magistrale

Next Article

Liberarsi in figure

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".