G8, dopocena artistico-musicale

artemusica.jpgQuesta sera all’Aquila, dopo la cena di lavoro, ci sarà anche concerto di musica classica, con opere di Rossini, Puccini e Mozart preceduto da un percorso tra installazioni d’arte sonore, per concludere la prima giornata di lavori del G8.
Aperto ai capi di Stato e alle delegazioni, l’evento, che si intitola “A city to listen to/ Una città da ascoltare”, è progettato dal conservatorio di musica dell’Aquila, gravemente danneggiato dal terremoto del 6 aprile, e dall’istituzione sinfonica abruzzese ed è il frutto del lavoro di quasi 300 persone tra musicisti, artisti, docenti, studenti, organizzatori e tecnici.
Il programma comincia alle 21.30 con un percorso artistico-musicale allestito lungo i 170 metri del viale che porta all’auditorium della cittadella militare con una scenografia di luci, suoni e speciali proiettori di suono, gli olofoni, che diffonderanno gli inni nazionali dei 28 Paesi presenti al Summit.
Arrivati nel foyer, gli ospiti saranno accolti da opere scultoreo-musicali ovvero sculture musicali realizzate da uno dei due direttori artistici della manifestazione, Michelangelo Lupone, professore di composizione alla scuola di musica elettronica del conservatorio aquilano, insieme con la scultrice aquilana Galizia.
Seconda fase, il concerto con i migliori elementi dell’orchestra giovanile abruzzese, i cori lirici del teatro Marrucino di Chieti e di Fondazioni Opera di Teramo. Direttore d’orchestra sarà Marcello Bufalini, docente al conservatorio dell’Aquila, cantanti il soprano Carmela Remigio e il mezzosoprano Monica Bacelli. In programma brani da “Semiramide” e “Stabat Mater” di Rossini, dalla Bohème di Puccini e da “La Clemenza di Tito” di Mozart. Conclude il “Te Deum” per due cori e orchestra di Verdi.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'Epso seleziona tecnici edili

Next Article

G8, dal Canada 4,5 mln per Univaq

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.