Furto di volumi ai Girolamini, indagato l’ex senatore Dell’Utri

Schermata 2013-01-29 a 12.22.24

L’ex senatore del Pdl Marcello Dell’Utri sarebbe indagato nell’ambito dell’inchiesta sul furto di volumi antichi nella biblioteca dei Girolamini a Napoli.

Secondo l’Ansa, alcuni volumi sottratti alla biblioteca dall’ex direttore Marino Massimo De Caro sarebbero finiti nelle mani di Dell’Utri. De Caro, detenuto da maggio nel carcere di Poggiorale con l’accusa di peculato, avrebbe offerto a Dell’Utri due prime edizioni di Giambattista Vico in cambio di inviti a pranzo. I fatti sarebbero emersi da un’intercettazione del 22 febbraio scorso nella quale De Caro proponeva a Dell’Utri lo scambio.

L’ex esponente del Pdl, però, risponde negando tutte le accuse di concorso in peculato. “E’ una bufala, una balla assoluta. Io non c’entro assolutamente niente. Sono già stato ascoltato in Procura e sono estraneo ai fatti”.

De Caro, la cui nomina a direttore della fu ampiamente contestata, avrebbe sottratto circa 1500 volumi di pregio dalla storica biblioteca napoletana e insieme a lui altre sei persone sono finite agli arresti con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata al peculato, alla falsificazione e alla ricettazione di migliaia di volumi antichi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

I Boy Scout d'America potrebbero accogliere anche gli omosessuali

Next Article

A Pesaro il primo musical interpretato da soli studenti

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"