Fuoricorso nel mirino

gelmini1.jpgSe finora l’autunno è stato caldo, inizia la settimana bollente per scuola e università. Ma in attesa del giorno di fuoco della manifestazione nazionale in programma per venerdì 14, dal ministero arriva qualche voce sui futuri provvedimenti riguardo le tasse universitarie.
Il ministro Gelmini si è sempre detta contraria all’aumento delle rette, ma ha fatto intendere un “giro di vite” per i fuoricorso. Che potrebbe tradursi proprio in un aumento delle tasse. Il ministro comunque non è entrata nei dettagli, ma ha spiegato che lo scopo è quello di ridurre nei limiti del possibile il numero di quanti si iscrivono ma non danno esami o ne danno pochissimi.
Naturalmente va fatta una differenza, di cui il ministero probabilmente terrà conto, tra chi studia e lavora e chi è semplicemente in ritardo con gli studi. In Italia sono circa 667mila i fuoricorso, ovvero il 37% del totale degli studenti (un milione e 800mila). Tra le ipotesi di utilizzo dei maggiori introiti per gli atenei c’è il diritto allo studio: borse, alloggi, mense e la mobilità degli studenti, così come indicato nel programma del ministro.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Master in Media Education

Next Article

Un neolaureato nel settore Marketing

Related Posts
Strage ustica revisionismo a scuola
Leggi di più

Strage di Ustica, il revisionismo sbarca a scuola

Il Ministero dell'Istruzione ha accreditato l'associazione dell'ex ministro Giovanrdi che sostiene la tesi della bomba a bordo del volo che il 27 giugno 1980 provocò la morte di 81 persone.