Frati: sciopero ricercatori, protesta legittima

Il Rettore Frati (Roma La Sapienza) ha risposto alla lettera della Commissione di Garanzia, riferendo che non c’e’ alcuno sciopero in atto tra i ricercatori e che la protesta e’ legittima e rispetta la legge…


Il Rettore Frati (Roma La Sapienza) ha risposto per le rime alla lettera della Commissione di Garanzia, riferendo che non c’e’ alcuno sciopero in atto tra i ricercatori e che la protesta e’ legittima e rispetta la legge. Il testo e’ stato diffuso durante la seduta del CdA della Sapienza.
La lettera della commissione di garanzia, priva di alcun fondamento giuridico, costituisce l’ennesima intimidazione contro i ricercatori rei di aver dimostrato quanto sciagurata sia l’idea di non riconoscere loro l’attività didattica svolta. Non e’ possibile condurre l’attività didattica negli atenei con i soli proff di I e II fascia a meno di precarizzare e declassare ulteriormente il sistema universitario.
Si faccia una scelta responsabile, si finanzi dovutamente le università e si avvii una vera riforma condivisa da tutto il mondo universitario e non preparata a tavolino dalla CRUI, interessata solo a difendere antichi privilegi e per nulla titolata a rappresentare il sistema universitario.
Il Coordinamento Nazionale Ricercatori Universitari (CNRU) parteciperà al sit-in organizzato per domani 13 ottobre 2010, davanti a Montecitorio, in concomitanza con la discussione in Aula alla Camera del DDL sull’Università.
 Coordinamento Nazionale Ricercatori Universitari

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Volpi: "avanti con il ddl sull'università”

Next Article

Università, presidio davanti a Montecitorio

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.