Fotopetizione on line. Ecco chi sono gli Erasmus che vogliono votare

erasmus

Per riuscire a votare, questa volta è necessario metterci la faccia. La pensano così gli studenti italiani in Erasmus, che stanno lanciando in queste ore una fotopetizione on line per poter esprimere il proprio voto anche dall’estero alle elezioni politiche del 24 e del 25 febbraio.

Lo slogan che sta già facendo il giro dell’Europa attraverso Facebook e Twitter si concentra su due parole fondamentali “#VOGLIOVOTARE” ed “#ERASMUS2013”. Un modo per richiamare immediatamente l’attenzione delle Istituzioni democratiche del nostro Paese. “In un momento in cui i cittadini sono chiamati ad esercitare il diritto-dovere del voto, è necessario dare una risposta ai tantissimi giovani che vedono questo loro diritto negato solo a causa delle loro scelte di studio”, sottolineano dall’Unione degli Universitari.

Tutti gli studenti che vogliono aderire devono inviare una foto con lo slogan alla mail: [email protected]. Le foto saranno pubblicate sulla pagina Facebook “Fotopetizione vogliovotare erasmus2013” al link https://www.facebook.com/pages/Fotopetizione-vogliovotare-erasmus2013/149086298577833

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Radon superiore alla norma, in quarantena una scuola del milanese

Next Article

"L'omosessualità va curata", prof. veneto bersaglio di polemiche

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.