Food research a Teramo

Meeting del Progetto europeo ISEKI_Food-4 Towards the innovation of the food chain through the modernization of Food Studies presso l’Università di Teramo.

Si svolge giovedì 12 e venerdì 13 gennaio 2012, presso la Facoltà di Agraria a Mosciano Sant’Angelo, il primo Meeting del Progetto europeo ISEKI_Food-4 Towards the innovation of the food chain through the modernization of Food Studies (Verso l’innovazione della catena alimentare attraverso la modernizzazione degli studi alimentari).

Il progetto, coordinato dalla Facoltà di Agraria e dal Dipartimento di Scienze degli Alimenti dell’Università di Teramo, si configura come una delle più importanti reti accademiche europee e l’unica nel settore specifico delle Scienze e tecnologie alimentari, raggruppando 86 istituzioni di 27 Paesi europei e di 3 Paesi extra-europei (Stati Uniti, Brasile e Israele), con il supporto di oltre 30 partner di tutto il mondo, dal Canada alla Nuova Zelanda, dalla Cina al Cile.

A rappresentare la Facoltà di Agraria di Teramo è Paola Pittia, docente della Facoltà e vice-presidente della ISEKI_Food Association, che raggruppa ricercatori, docenti, professionisti e industrie nel settore delle Scienze e tecnologie alimentari.

«Il progetto ISEKI_Food 4 – ha spiegato Paola Pittia – è iniziato ufficialmente lo scorso ottobre e, attraverso una serie di attività organizzate in gruppi di lavoro ha come obiettivi l’innovazione della formazione dei futuri tecnologi alimentari per incontrare le moderne esigenze di industrie e imprese alimentari; il miglioramento delle competenze didattiche dei docenti universitari; l’implementazione della professionalità dei laureati e dei dottorati nell’area delle Scienze e tecnologie alimentari favorendo la formazione continua e l’aggiornamento tecnico post-laurea; l’internazionalizzazione della formazione europea nel settore».

«Tra i principali risultati e prodotti del progetto – ha proseguito – sono compresi una serie di strumenti virtuali e documenti con linee guida per l’ammodernamento dei Corsi di laurea e di formazione, una piattaforma virtuale per la formazione professionale dei dottorandi e dei laureati in Scienze e tecnologie alimentari, strumenti didattici innovativi, una Summer School per ricercatori e docenti, un documento strategico sul ruolo etico e sociale della formazione e dei laureati in Scienze e tecnologie alimentari».

Al Meeting che si terrà presso la Facoltà di Agraria parteciperanno circa 30 partner, oltre ai coordinatori e ai principali referenti degli otto gruppi di lavoro.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sette nuovi master al Politecnico di Milano

Next Article

Imparare e perfezionare la lingua in Svizzera

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".