Fondi Ue: 5.000 studenti italiani a scuola di coesione

Progetti su cultura, ambiente, inclusione, trasporti e ricerca. Fondi Ue: 5.000 studenti italiani a scuola di coesione.

Fondi Ue: 5.000 studenti italiani a scuola di coesione. Progetti su cultura, ambiente, inclusione, trasporti e ricerca

In totale 5.000 studenti, distribuiti su 214 classi, con il supporto di 500 docenti, concentrati soprattutto nel Mezzogiorno, per un totale di 132 istituti scolastici. È la nuova stagione 2020-2021 di ‘A Scuola di OpenCoesione’ (Asoc), un progetto di didattica innovativa che guida gli studenti a scoprire e monitorare i progetti finanziati dall’Unione europea nei suoi Stati membri. Già 178 team hanno consegnato il primo Report ‘Progettare’, “un numero importante – si legge nel comunicato del portale di OpenCoesione – che evidenzia come le attività di Asoc siano talmente strutturate da poter proseguire anche attraverso gli strumenti della didattica a distanza”.

https://corriereuniv.it/2020/12/scuola-la-pandemia-accelera-luso-dei-fondi-ue-speso-il-90-delle-risorse/

La maggior parte delle scuole ha deciso di integrare Asoc nell’ambito dei percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento (l’ex alternanza scuola lavoro), altre hanno approfittato delle lezioni di educazione civica. Il tema più gettonato è quello di cultura e turismo (33%), seguito da ambiente (19%), inclusione (16%), trasporti (8,4%) e ricerca e innovazione (7,3%). Le scuole sono sostenute nella loro attività anche dai Centri Europe Direct (Edic), i Centri di Documentazione europea (Cde) o un referente territoriale Istat.

ansa

Leggi anche:

Scuola, la pandemia accelera l’uso dei fondi Ue: speso il 90% delle risorse

Scuola, inserimento dei diplomati nel mondo del lavoro: Istituti professionali in testa. Pubblicato l’approfondimento statistico

Al via il primo giorno di scuola ma mancano i prof. Fioramonti: “Servono fondi subito”

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Realtà aumentata per guidare occhio chirurgo contro i tumori

Next Article

Contributo di laurea: ok alla detrazione anche nelle università private

Related Posts
Leggi di più

Picchiavano i compagni di classe e postavano i video su Telegram: sei bulli finiscono in manette. “Violenze anche davanti ai professori”

Indagine dei carabinieri in provincia di Milano che ha portato all'arresto di sei studenti di un'istituto superiore accusati di violenze e maltrattamenti nei confronti dei loro compagni di classe. I video delle violenze venivano postate sulle chat di Telegram dove in pochi giorni hanno raggiunto le 100mila visualizzazioni. I pestaggi avvenivano addirittura in aula sotto gli occhi dei docenti.