Fondi per scuola e università: il Dl del Fare al vaglio del Senato

dl del fare fondi per scuola e università

Dl del Fare: fondi per scuola e università Il Decreto è all’ultimo passaggio prima della fiducia; dopo le norme saranno definitive Previsti fondi per edilizia scolastica, borse di studio, ricerca e assunzioni di docenti universitari

Fondi e progetti per scuola e università in dirittura d’arrivo. Il dl del Fare, infatti, è alla sua ultima tappa: l’approvazione al Senato.

Molti gli interventi previsti per la scuola primaria e secondaria, a cominciare da un fondo di 450 milioni di euro per la messa in sicurezza delle strutture più vecchie e pericolose, ma anche per la costruzione di nuovi edifici scolastici.

Per velocizzare l’avvio dei nuovi cantieri, inoltre, il decreto assegna la nomina di commissari straordinari a sindaci e presidenti delle province che potranno così intervenire con maggiore tempestività.

In arrivo, poi, borse di studio per gli studenti meritevoli delle scuole superiori; 17 milioni di euro per i prossimi cinque anni che serviranno a sovvenzionare i progetti dei ragazzi con i migliori curricula scolastici di trasferirsi nelle università di altre regioni.

Il decreto interviene anche nel limitare gli sprechi: taglia, infatti, il fondo a disposizione delle scuole per affidare i servizi di pulizia ad agenzie esterne; 25 milioni di euro in meno per quest’anno fino a un taglio di quasi 50 milioni a partire dal 2015.

Per quanto riguarda l’università, le iniziative contenute dal dl sono orientate alle assunzioni di giovani docenti e alle sovvenzioni nella ricerca e nei progetti innovativi.

Prevista la crescita esponenziale del Fondo di finanziamento per gli Atenei, che attualmente consiste nel 13,5% dell’intero finanziamento statale alle università. Nel 2014 passerà ad una quota non inferiore al 16%, nel 2105 passerà a non meno del 18% e del 20% entro nel 2016, ma dovrà salire fino al 30% entro il 2021 e continuare a crescere gli anni successivi.

In arrivo anche posti per 1.500 docenti ordinari e altrettanti ricercatori. Inserimenti resi possibili dalla nuova norma sul turn over universitario, che permetterà agli atenei di assumere un nuovo professore ogni 5 pensionati.

Infine i finanziamenti a ricerca e progetti innovativi, in particolare nel dl sono previsti fondi statali per sostenere le migliori Start Up nate in ambiente universitario e i progetti di Spin off, quelle imprese che, a partire da aziende preesistenti, perseguano idee innovative in un ambito di ricerca per dare uno sbocco sul mercato alle innovazioni.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scoperto il gene che dà colore alle pesche

Next Article

Il cervello risponde in maniera diversa a seconda della musica che si ascolta

Related Posts
Leggi di più

Finge di avere due lauree: professoressa dovrà restituire 20 anni di stipendi

Un'insegnante di sostegno che ha prestato servizio in diverse scuole della Brianza è stata condannata al risarcimento di 314mila euro per aver falsificato, dal 2000, i certificati di laurea in pedagogia e psicologia. Il caso è scoppiato dopo che la donna aveva denunciato la preside di uno degli istituti nel quale lavorava per mobbing.