Flash mob di solidarietà al docente #NoGreenPass sospeso ad Orvieto: “Prof non sei solo”

Manifestazione questa mattina davanti all’ingresso dell’istituto Signorelli dove il docente, Gianfranco Pigozzi, insegna arte. solidarietà da parte dei suoi studenti ma anche di genitori e professori di altre scuole.

Un flash mob per il docente senza Green pass sospeso: è quello che si è svolto questa mattina ad Orvieto, davanti alla scuola dove Gianfranco Pigozzi, il professore che rifiuta di ottenere il certificato verde per poter entrare a scuola, insegna arte. 

“Rifiutiamo fermamente la logica del Green pass. Giudichiamo questo provvedimento ricattatorio e discriminatorio nei confronti dei cittadini e dei nostri ragazzi e profondamente lesivo di diritti civili e costituzionali” hanno scandito i manifestanti a sostegno del prof che non è vaccinato e che da due settimane ha smesso anche di sottoporsi regolarmente ai tamponi.

 La manifestazione si è svolta all’orario di entrata delle lezioni davanti all’istituto Signorelli, la scuola media in cui insegna Pigozzi. “Prof #nonseisolo” il cartello mostrato da tutti i manifestanti durante la protesta, immobile e silenziosa. Tra loro – secondo quanto si apprende – genitori, insegnanti di altri istituti, militari e professionisti. 

Gli stessi manifestanti hanno spiegato di ritenere che il Green pass “non sia una vera misura di prevenzione sanitaria, quanto un atto di sottomissione politica. Dal 15 ottobre sarà richiesto, unico Paese al mondo – hanno scritto in una nota – per accedere a qualsiasi attività lavorativa e ricreativa nel nostro vivere quotidiano. Noi non ci stiamo”

Total
7
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sempre online su Whatsapp, quasi mai su Twitter: ecco le abitudini social dei giovani italiani fotografati dal Censis

Next Article

Ricerca, per la svolta servono almeno 30mila nuove assunzioni. Il ministro: "Cambiare rotta sugli investimenti"

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".