Finanza, Profumo: “Una materia da studiare sin dalle elementari”

L’educazione finanziaria come materia curricolare di insegnamento scolastico; questo l’obiettivo del ministro dell’Istruzione Francesco Profumo, che ha annunciato oggi a Torino la firma di un protocollo con la Fondazione Rosselli per la messa a punto di un modello didattico.

L’idea di Profumo e’ quella di introdurre l’insegnamento dell’educazione finanziaria a tutti i livelli, incluse le scuole elementari. Gia’ quest’anno dovrebbero partire i corsi di formazione per gli insegnanti con l’obiettivo di poter introdurre l’insegnamento dell’educazione finanziaria gia’ dal prossimo anno.

”Nel Paese – ha detto Profumo, ad un appuntamento presso la Fondazione Rosselli – c’e’ grande attenzione e attesa sui temi economici. Con questo protocollo saranno pensati gli strumenti, anche non tradizionali, per coinvolgere gli studenti e interessarli a questa materia a tutti i livelli fino dalle elementari”.

”La scuola – ha sottolineato – e’ pronta, lo abbiamo visto con le iscrizioni on-line che sono state una realta’ per il 99,4% degli studenti. Il nostro obiettivo e’ rendere il Paese e quindi i suoi cittadini piu’ pronti rispetto ai temi finanziari. La scuola e’ stata individuata come importante elemento di modernizzazione, per la creazione di una cittadinanza attiva, piu’ attenta a un tema che abbiamo visto essere essenziale, soprattutto in un momento di crisi”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Musica, teatro, arte: una settimana da vivere a Milano

Next Article

Come vorrebbero la nuova Chiesa gli studenti?

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"