Finalmente il Cnr avrà un nuovo presidente: pubblicato il bando di concorso

Sul sito del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca è stato pubblicato oggi l’Avviso di chiamata pubblica per il rinnovo della Presidenza del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR).
Sono invitate ad avanzare la loro candidatura “persone di alto profilo scientifico e competenze tecnico organizzative, con comprovata esperienza professionale, in ambito nazionale e internazionale”. Le candidature, corredate del relativo curriculum vitae, dovranno essere inviate attraverso posta certificata all’indirizzo [email protected] entro le ore 24 del trentesimo giorno successivo alla data di pubblicazione dell’Avviso. Qualora il termine di presentazione utile della domanda cada in giorno festivo, il termine stesso è prorogato al primo giorno non festivo successivo.
Il Comitato di selezione, coordinato dal Professor Lamberto Maffei e composto da Mauro Ferrari, Fabiola Gianotti, Aldo Sandulli, Lucia Votano, esaminerà le domande e i requisiti di ammissibilità di ciascun candidato. Al termine dell’istruttoria proporrà al Ministro una rosa di cinque nominativi per la carica di Presidente tra i quali il Ministro effettuerà la propria scelta.
A questo link l’avviso di chiamata pubblicato sul sito del Miur.
Qui invece potete scoprire quali sono gli esperti che compongono il comitato di valutazione e selezione del nuovo direttore del Cnr. 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

EMSA, tirocini retribuiti in Portogallo per laureati in diverse discipline

Next Article

Legge di Stabilità, Giannini: "Sul Diritto allo Studio risultato storico"

Related Posts
Leggi di più

Intervista al nuovo rettore di Bergamo Sergio Cavalieri: “Open campus per far riscoprire agli studenti l’Università”

Sul Pnrr: "Uscire da logiche campanilistiche. Si ai consorzi con altre università e imprese ma superare le conflittualità con progetti condivisi". E sugli obiettivi dei dipartimenti: "Le strategie d'ateneo vanno discusse all'interno dell'università e in contrattazione con il ministero e poi si definiscono gli obiettivi da intraprendere"