Festa del laureato in medicina e chirurgia

festa del laureato

Festa del laureato Domenica 20 ottobre 2013 ore 9, Aula Magna, via Ravasi 2, Varese. Saranno premiati anche i medici con 50 anni di laurea

 È in programma domenica 20 ottobre 2013, alle ore 9.00, in occasione della Giornata del Medico, la Festa del Laureato in Medicina e Chirurgia. La Cerimonia si terrà nell’Aula Magna dell’Università degli Studi dell’Insubria, in via Ravasi 2, a Varese.

Una breve esibizione del Coro dell’Università degli Studi dell’Insubria aprirà i lavori, seguiranno i saluti del professor Simone Vender, presidente della Scuola di Medicina, e del dottor Roberto Stella, presidente dell’Ordine dei Medici di Varese.

 

Il dottor Giovanni Chelazzi terrà una relazione sul tema: “Aspetti etici della professione medica: la sperimentazione clinica sull’uomo” e il professor Paolo Grossi parlerà di “L’antibioticoresistenza: diffusione e strategie di controllo”.

 

La cerimonia proseguirà con la Lettura del Giuramento di Ippocrate da parte del vincitore del “Premio Giovanni Ragnotti”, a seguire il presidente della Scuola di Medicina ed il presidente dell’Ordine dei Mediciconsegneranno la pergamena ai neo laureati, gli “aventi diritto”, ossia i laureati dal 1° ottobre 2012 al 30 settembre 2013 sono 106, e la medaglia a una ventina di medici con 50 anni di laurea.

 

Alle ore 11.30 sarà celebrata la Santa Messa al Tempio del Medico d’Italia  di Duno.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Test universitari, varrà anche il bonus maturità

Next Article

18 enne disabile andrà a scuola. Trovati i fondi per pagarle il sostegno

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".