Federica, positiva al virus si laurea in Medicina sul covid-19

“Mi è piaciuta così tanto questa tesi che ho voluto provarla in prima persona”. Ha scherzato così Federica De Gregorio, 31 anni, positiva al covid-19, subito dopo la sessione di laurea in Medicina avvenuta ieri in streaming con una tesi, al Policlinico Riuniti di Foggia e relatore del suo lavoro. Votazione: 110 e lode.

Emblematico il titolo: “Follow-up a breve termine nei pazienti guariti da Sars-Cov 2”. Il 13 ottobre, dopo mesi di ricerca sulle ripercussioni post malattia, è stata contagiata anche lei insieme alla sua famiglia. “Viverlo – racconta Federica –  mi ha fatto comprendere come siano forti le ripercussioni psicologiche a breve termine. Questi – riprende – sono gli aspetti su cui si è concentrata la mia tesi scelta prima che mi ammalassi e che ho potuto approfondire con esperienze ‘vive'”.

Attualmente hanno sintomi leggeri e stanno trascorrendo la quarantena a casa, ad eccezione del fratello che ha preferito invece, trasferirsi in altro appartamento per evitare il contagio. “Anche i miei sono positivi al virus e paucisintomatici – ammette Federica – anche la loro reazione mi è stata utile per completare lo studio”. Il focus della tesi è sui sintomi persistenti a tre mesi dopo la guarigione, quindi l’astenia, gli aspetti depressivi che spingono all’isolamento per un certo periodo, la ricerca dei residui di malattia come tosse, mal di testa e leggeri acciacchi quotidiani; ma anche il cambiamento delle abitudini legato ad aspetti psicologici: un follow-up su un ristretto numero di pazienti che sarà ampliato e che proseguirà nel tempo.

La tesi di Federica  è completata anche con lo studio sierologico per analizzare la presenza di anticorpi per Covid-19 e studiare l’immunizzazione del soggetto nei confronti del virus. Il Coronavirus l’ha privata della possibilità di festeggiare ma i suoi amici non si sono persi d’animo al contrario: “sono venuti sotto casa con striscioni e sorrisoni. Questo mi ha riempito di gioia” – racconta Federica. Ora la neo dottoressa attende solo di negativizzarsi. “Adesso devo solo aspettare il tampone negativo e lanciarmi nei tirocini post lauream per l’abilitazione, ma dubito potrò farli in presenza vista la situazione”, conclude.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Professioni Sanitarie, Manfredi rinvia il test d'ingresso per 14mila candidati

Next Article

Covid, Lancet: “La chiusura delle scuole può ridurre del 15% contagio”

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.