Fare sport, aiuta ad andare meglio agli esami

sport e esami

Sport e esami Secondo uno studio dell’università 
scozzese di Strathclyde and Dundee
i ragazzi che fanno esercizio
fisico sono più bravi a scuola

Nulla di nuovo sotto il sole; già i latini dicevano “mens sana in corpore sano” e anche se non volevano dare a quel motto il significato odierno, l’ideale è diventato saggezza popolare. Adesso l’arcaico slogan è raccolto e riproposto dalla scienza che chiude un ciclo (riciclo persino) da brivido. L’università scozzese di Strathclyde and Dundee ha infatti pubblicato uno studio che dimostra come i ragazzi che fanno esercizio fisico vanno meglio agli esami.

La ricerca, condotta su 5 mila giovani britannici, stabilisce un legame tra la ginnastica e il risultato agli esami, specialmente in quelle materie in cui il cervello deve funzionare al massimo, come matematica e scienze. Le ragazze in particolare hanno bisogno di meno esercizio rispetto ai ragazzi: 12 minuti contro 17. I benefici si vedono a tutte le età prese in considerazione: 11,13 e 16. L’ideale stabilito dalla ricerca scozzese sarebbe di fare esercizio almeno un’ora giorno, una soglia decisamente più altra della media britannica, e, si immagina, ancora più alta rispetto a quella italiana.

Dice uno degli autori dello studio, Josie Booth: “L’attività fisica non è soltanto importante per la salute fisica. Ci sono altri benefici che genitori, politici ed educatori dovrebbero tenere in considerazione”.

Gli autori dello studio, pubblicato sul British Journal of Sports Medicine sono convinti che ulteriori approfondimenti potranno avere un impatto maggiore sulle politiche della Sanità e dell’Educazione.

Come si diceva, pare tuttavia che Giovenale con le parole “mens sana in corpore sano” non intendesse dire che una mente sana sia il risultato di un corpo sano. Come ha osservato Romano Amerio nel suo libro deliziosamente anti-moderno “Iota Unum”, il poeta dice in realtà che “Bisogna pregare gli Dei perché ci diano una mente sana in un corpo sano”. Insomma, il legame causale tra i due termini ce l’avrebbero messo i secoli a venire.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Inps, bando per oltre 7mila borse di studio. Per partecipare, domanda on line

Next Article

Laurearsi in carcere

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".