Facoltà, Agraria si tinge di rosa

uominiedonne.jpgNegli ultimi otto anni la percentuale di donne che frequentano corsi di laurea del gruppo agrario è cresciuta del 21,4%, portando la presenza femminile a quasi la metà degli studenti totali (45 per cento). Lo ha reso noto il presidente della Coldiretti Sergio Marini nel suo intervento al convegno su “Le facoltà di Agraria per lo sviluppo del Paese” organizzato dalla Conferenza dei presidi delle facoltà di Agraria.
È un aspetto – ha aggiunto – di cui va tenuto conto, insieme ai molti altri, quali ad esempio la flessione nelle immatricolazioni e l’insoddisfazione dei laureati nei riguardi ai successivi sbocchi professionali nonostante si stia assistendo a un crescente interesse per la «vita country» con un giovane su quattro di età compresa tra i 25 e i 34 anni che fa l’orto o il giardinaggio, quasi due milioni di under 35 che scelgono di trascorrere le vacanze in campagna, otto ragazzi su dieci che acquistano prodotti alimentari tipici a denominazione di origine e biologici e il sogno di aprire un agriturismo che è sempre più ricorrente tra le nuove generazioni.
Anche l’Università deve saper interpretare – ha evidenziato il presidente della Coldiretti – il cambiamento in cui è impegnata l’agricoltura verso un nuovo modello di sviluppo, all’interno di uno scenario di politiche agricole e ambientali europee e di un sistema di compatibilità internazionali in continua evoluzione.
Facendo riferimento al progetto lanciato dalla Coldiretti per il Paese “Una filiera agricola tutta italiana”, Marini ha sostenuto che esso richiede una ricerca “agricola”, perché sia utilizzabile dalle imprese agricole, una ricerca libera, svolta in collaborazione con le imprese, e non dominata, come in passato, solo dalla logica dell’industria, della distribuzione e delle multinazionali, perché non sono questi i soli portatori della modernità.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cervello, una proteina rafforza la memoria

Next Article

Il giorno prima dell'esame? Passeggia nel bosco

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.