Cervello, una proteina rafforza la memoria

memoria.jpgSe un’esperienza diventa indimenticabile, questo si deve anche alla quantità di una proteina presente nel cervello, nell’area in cui si forma la memoria, chiamata ippocampo. Lo studio, pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (Pnas), è stato condotto da un gruppo di ricercatori dell’Istituto nazionale di neuroscienze (Inn), coordinati da Maurizio Giustetto dell’Università di Torino, in collaborazione con Fabio Benfenati dell’Università di Genova.
Punto di partenza della ricerca è stata la teoria secondo cui il cervello memorizza un dato, un volto o un evento quando le connessioni chimiche tra i neuroni vengono rafforzate. Responsabile di questo rafforzamento, secondo i ricercatori italiani, sarebbe la proteina nota come Extracellular Regulated Kinase (Erk). Come un sensore all’interno delle cellule, ha spiegato Giustetto, la proteina Erk «rivela ciò che sta accadendo all’esterno e lo traduce in una serie di attività biologiche, come la produzione di nuovi geni o le modifiche dello scheletro cellulare».
Una volta messa in azione da stimoli nervosi, Erk può controllare il rafforzamento delle connessioni interagendo con le sinapsine, una serie di proteine che hanno un ruolo nella trasmissione tra neuroni. Poiché Erk ha un ruolo importante in alcune gravi malattie dello sviluppo e nei meccanismi che determinano la dipendenza da droghe d’abuso, secondo gli studiosi questi risultati potranno in futuro essere usati per conoscere meglio le alterazioni neurologiche alla base dell’una e dell’altra condizione clinica.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stage nell'area selezione del personale

Next Article

Facoltà, Agraria si tinge di rosa

Related Posts
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.
Leggi di più

Mai avvolgerla nella plastica o tenerla in tasca: ecco i consigli degli esperti per l’utilizzo della Ffp2: “Se non riceve umidità può durare fino a 40 ore”

Obbligatoria per viaggiare sui mezzi di trasporto e necessaria anche per seguire le lezioni in classe o andare al cinema: la mascherina Ffp2 è uno strumento con il quale stiamo familiarizzando sempre di più in queste settimane. Conservarla correttamente è indispensabile per poterla utilizzare per più di un giorno. "Mai indossarla sopra a una chirurgica".