Facoltà a numero chiuso, il Tar Lazio ammette decine di studenti

Schermata 2013-01-11 a 14.44.11

Il Tar del Lazio, in attesa che la Corte costituzionale si pronunci sulla costituzionalita’ del ‘numero chiuso’ nelle universita’, ha ammesso con riserva decine di studenti (tutti appartenenti all’Unione degli Universitari) esclusi per non aver raggiunto il punteggio minimo previsto dal concorso di ammissione. ”E’ la fine del numero chiuso italiano”, commenta il coordinatore Udu, Michele Orezzi

Per il Tar del Lazio sussistono i presupposti per l’ammissione con riserva – si legge in una delle ordinanze pubblicate – per ”l’illogicita’ della previsione di un punteggio minimo applicabile che non consente lo scorrimento della graduatoria in presenza di posti vacanti derivanti dal mancato riempimento integrale della stessa all’esito della prova selettiva”.

In particolare, con gli avvocati Michele Bonetti e Santi Delia, si contestava il decreto ministeriale che limitava il numero degli iscrivibili a livello nazionale a 10.173 studenti. I ricorrenti sollecitano l’abolizione del ‘numero chiuso’ in favore della creazione di una ‘graduatoria unica nazionale’ per le immatricolazioni. Nell’ammettere con riserva decine di studenti, il Tar ha ritenuto di accogliere le richieste dei ricorrenti almeno ”sino alla definizione del giudizio da parte della Corte costituzionale”.

”E’ la fine del numero chiuso italiano – ha commentato il coordinatore nazionale Udu, Michele Orezzi – E’ stato fatto il piu’ grande passo in avanti di sempre verso un’universita’ libera, senza ostacoli d’accesso. Ora attendiamo di essere convocati per ridisegnare un modello di accesso libero che non lasci gli studenti sulla porta delle universita’ con nelle mani i sogni di una vita infranti prima ancora di potersi giocare la propria possibilita”’.

”I Tar italiani – hanno aggiunto i patrocinatori dei ricorsi, gli avvocati Michele Bonetti e Santi Delia – stanno dimostrando una grande sensibilita’. Al Tar di Campobasso hanno sospeso tutto il concorso; i Tar Abruzzo, Marche e Sardegna hanno fatto rientrare da Romania, Spagna e Belgio i nostri ricorrenti, tutti costretti ad emigrare all’estero; il Tar Firenze ha ammesso quasi 200 ricorrenti all’Ateneo di Pisa; qualche giorno fa e’ saltato il numero chiuso a Scienze della formazione a Cosenza e L’Aquila. Adesso il Tar Lazio conferma che se i posti ci sono vanno occupati anche se i concorrenti non hanno raggiunto la soglia al test di accesso”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Liceo ad indirizzo sportivo, via libera del Miur

Next Article

Melissa Bassi, da oggi un giardino per ricordarla

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.