European Inventor Award, ispirare menti brillanti a trovare soluzioni sostenibili

Il Premio Giovani Inventori (European Inventor Award) si rivolge a inventori singoli o gruppi che abbiano meno di trent’anni il giorno della premiazione, prevista nel giugno del 2022.

Basta avere meno di 31 anni e un’invenzione originale per partecipare. In palio: premi in denaro, visibilità e la possibilità di trasformare la propria idea in una soluzione reale.

Il riconoscimento rientra nell’ambito dell’European Inventor Award, il prestigioso “Oscar dei brevetti”. L’obiettivo? Supportare la prossima generazione di inventori. C’è tempo fino al 1° ottobre per candidarsi.

La scadenza per la candidatura al più importante premio europeo per l’innovazione si avvicina.

Il genio non dovrebbe mai essere tenuto segreto. Se conosci un inventore pionieristico il cui lavoro sta creando un futuro più sicuro, più intelligente e più sostenibile per tutti noi, ti invitiamo a nominarlo per l’European Inventor Award nel 2022.

Le idee devono riguardare progetti innovativi e sostenibili, a prescindere dal settore, a condizione che siano attinenti ai problemi più urgenti della nostra  epoca, indicati negli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

Tra i diciassette obiettivi sono stati inseriti:

  • lotta alla fame e alla povertà
  • parità di genere
  • pace
  • riduzione delle disuguaglianze
  • educazione paritaria
  • sostenibilità

Il vincitore riceverà 20 mila euro, 10 mila andranno al secondo classificato e 5 mila al terzo. 

Per iscriversi il termine è il 1°ottobre. Per informazioni e dettagli cliccare qui

Total
2
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bologna, le lauree tornano in presenza ma gli invitati dovranno avere il green pass

Next Article

Zaki e la festa per il master mai finito: gli amici e la ministra Messa ricordano il ricercatore in carcere da un anno e mezzo

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".