Bologna, le lauree tornano in presenza ma gli invitati dovranno avere il green pass

E’ questa la decisione dell’Alma Mater per consentire lo svolgimento delle sessioni di laurea dal vivo. Il laureando però potrà scegliere se continuare ad utlizzare la modalità online.

Lauree in presenza ed eventuali invitati con il green pass. È la regola per le prove finali fissate dall’Università di Bologna: come le lezioni, quindi, in questa fase dell’emergenza legata alla pandemia da Coronavirus anche le lauree potranno essere in presenza oppure online. Per questo agli studenti verrà richiesto, in fase di presentazione della domanda di laurea la scelta, di scegliere quale sarà la modalità di svolgimento della prova finale.

E per gli esami di laurea condotti in presenza, “a conferma dell’importanza e del significato del momento della proclamazione, la commissione sarà presente in aula”, specificano Mirko Degli Esposti, prorettore vicario e presidente del Centro di Ateneo per la tutela e promozione della salute e sicurezza, e Enrico Sangiorgi, prorettore alla didattica, in una comunicazione ai docenti sulle modalità di ripresa delle attività didattiche. In particolare, aggiungono, nel caso si scelga l’opzione ‘dal vivo’, l’accesso all’aula “sarà riservato alla commissione, ai laureandi dell’appello del giorno ed ai loro relatori di tesi”.

“Ulteriori invitati potranno essere ammessi in base alle valutazioni svolte delle singole strutture: in questo caso – raccomandano i due prorettori- le presenze dovranno essere pre-registrate e gli invitati dovranno possedere ed esibire su richiesta la certificazione verde Covid-19 o certificazione di esenzione”.

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dalla Lombardia alla Sardegna in crescita i casi di Covid in classe. Ma Bianchi assicura: "Non ci sarà ricorso massiccio alla Dad"

Next Article

European Inventor Award, ispirare menti brillanti a trovare soluzioni sostenibili

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale