Prove tecniche di normalità: da lunedì 3 maggio a Siena ritornano le lezioni in presenza

Via libera dell’ateneo toscano alle lezioni dal vivo. Resta comunque attiva la possibilià di seguire i corsi a distanza. Nessuna decisione sulle lauree.

Se non è la prima università ad aprire totalmente poco ci manca. Dal prossimo lunedì 3 maggio torna la normalità a Siena dove gli studenti potranno tornare finalmente nelle varie facoltà e a seguire dal vivo le lezioni, che continueranno comunque a essere offerte anche in modalità a distanza. La decisione è stata presa oggi dai vertici dell’ateneo toscano che hanno emanato le nuove linee guida per lo svolgimento delle attività didattiche e di altre attività istituzionali.

”Per venire incontro alle legittime esigenze degli studenti presenti a Siena e ad Arezzo – spiega il rettore dell’ateneo Francesco Frati – tutti gli insegnamenti dei corsi di laurea, laurea magistrale e dottorato potranno essere seguiti in presenza ed eventuali eccezioni dovranno essere concordate con i direttori di Dipartimento”.

Restano naturalmente confermate le disposizioni per evitare la diffusione del contagio:  quindi distanziamento fisico, l’obbligo di indossare la mascherina chirurgica o ffp2 all’interno delle aule e degli altri spazi universitari, igienizzazione delle mani, sanificazione e areazione dei locali, e la registrazione all’ingresso dei presidi e delle aule. ”La raccomandazione a tutti gli studenti, al personale e ai docenti – prosegue il professor Frati – è quella di prestare la massima attenzione nei comportamenti individuali – vero strumento cruciale di prevenzione del contagio – e nel rispetto degli obblighi e delle disposizioni indicate”.

Per quanto riguarda gli esami , mentre verrà garantita a tutti gli studenti la possibilità di continuare a svolgerli a distanza, i docenti potranno prevederli anche in presenza, mentre sullo svolgimento degli appelli di laurea, in calendario da giugno, l’Ateneo dovrebbe prendere una decisione nelle prossime settimane.

Total
133
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il caro prezzo di uno sfogo sui social: il limite della libertà di parola a scuola

Next Article

La sofferenza del Sud: senza tablet e pc il 34% dei giovani. Così la Dad aumenta la distanza tra le regioni

Related Posts