Rapporto Eurispes 2009: stipendi bassi e precariato

lavoro.JPGMentre il presidente degli Stati Uniti d’America tuona contro gli stipendi da capogiro di alcuni manager e guru della finanza, il nuovo rapporto Eurispes 2009 fotografa una realtà italiana non molto diversa.
Gli italiani guadagnano poco, molto meno dei loro colleghi europei, e negli ultimi anni hanno faticato a reggere l’aumento del costo della vita. Ma la situazione cambia se si guarda “in alto”. Un dirigente in genere percepisce uno stipendio che è quasi quattro volte superiore a quello degli impiegati che operano nello stesso comparto. E’ quanto emerge dall’ultima indagine Eurispes 2009.
Cresce, infatti, la distanza tra le retribuzioni di alti e medi dirigenti e gli stipendi di impiegati e operai. Ai top manager compensi 243 volte maggiori delle retribuzioni medie.
Il problema prioritario resta però il precariato. A risentirne maggiormente sarebbero i ragazzi tra i 25 e i 34 anni, preoccupati anche delle basse retribuzioni. A porre come prima problematica la mancanza di lavoro, opzione indicata, rispettivamente dal 33%, 37% e dal 51,7% sono invece le classi più adulte. I più giovani (18-24 anni) ripartiscono più uniformemente le loro scelte tra chi indica l’assenza di possibilità lavorative (33,6%) e chi la precarietà (il 32,9%). Il lavoro nero continua ad essere sentito come una piaga che colpisce specialmente lavoratori dai 35 ai 44 anni.
Altra spina nel fianco per i lavoratori italiani è la flessibilità. Secondo la maggioranza degli italiani le misure legislative adottate nell’ultimo decennio hanno peggiorato le possibilità occupazionali dei giovani rendendo il lavoro più incerto. Solo il 12,4% dei lavoratori considera la flessibilità come lo strumento che ha permesso a molti cittadini di uscire dalla disoccupazione.
Ma quanti sono senza lavoro? Nel 30,1% dei casi all’interno del proprio nucleo familiare c’è un componente che non lavora. All’interno dei nuclei familiari, coloro che non lavorano (39,5%) si trovano in questa condizione per le difficoltà riscontrate a trovare un’occupazione corrispondente alla propria formazione, il 21,4% invece non trova alcun tipo di lavoro e il 19,9% ha perso il lavoro e non riesce a ricollocarsi. Questa percentuale, ovviamente, non comprende i membri che non sono in età lavorativa (studenti e pensionati) e che in ogni caso non sono intenzionati a lavorare (ad esempio, le casalinghe).
Le modalità di inserimento sono risultate le più diverse. Tra quanti hanno un impiego, le principali modalità di reperimento del lavoro sono state, nel 23,9% dei casi, la candidatura spontanea; nel 23,3% il concorso o la selezione pubblica e nel 20,2% conoscenze o raccomandazioni. Una parte consistente del 9,7% che ha indicato la voce “altro”, invece, ha specificato di aver trovato l’attuale lavoro.
Soddisfatti o rimborsati? Interrogati sui differenti aspetti del proprio lavoro, emerge soddisfazione nella maggior parte dei casi con percentuali di poco superiori al 50% (eccetto che per la sicurezza di avere un’entrata alla fine del mese, scelta indicata positivamente dal 67,1%). Invece, gli aspetti di cui non si è soddisfatti sono soprattutto il livello retributivo (56,7%), l’adeguatezza delle tutele sindacali (49,3%), la possibilità di conciliare studio e lavoro (61,1%) e la possibilità di avere rapporti con più aziende (50%).

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

La protesta composta delle Province

Next Article

Premio Luzi per la diffusione della letteratura tra i giovani

Related Posts
Leggi di più

Il mondo della comunicazione è sempre più giovane: il 53% degli occupati è under 35

Un dipendente su due che lavora nel mondo della comunicazione ha meno di 35 anni. E' quanto emerge da un'indagine condotta su un campione di 172 aziende e condotta da Una, Aziende della comunicazione unite, e Almed, Alta Scuola in Comunicazione, Media e Spettacolo, dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. Negli ultimi anni c'è stato un calo dell'occupazione femminile.