Eures: 500 posti di lavoro come animatori in Italia o all'estero. Stipendio fino a 1.500 euro al mese

Opportunità di lavoro all’estero per 500 giovani: l’agenzia Animatur, tramite la rete Eures, ha pubblicato l’annuncio per il reclutamento di 500 animatori turistici da inserire in residenze in Italia e all’estero.
Possono candidarsi tutti i maggiorenni che abbiano assolto l’obbligo scolastico e che possiedano un’ottima conoscenza della lingua francese e inglese. Completano il profilo la disponibilità agli spostamenti e a lavorare all’estero oltre che la predisposizione a lavorare in team e a contatto con il pubblico.
Coloro i quali avranno già maturato esperienza nel settore dell’animazione verranno considerati candidati preferenziali.
Il periodo di lavoro va da Aprile a Settembre 2016 con disponibilità minima di 2 mesi (preferibile 3/6 mesi).
L’offerta riguarda un contratto a tempo determinato con inquadramento ENPALS; vitto e alloggio gratuiti; viaggio aereo per le destinazioni estere a carico della società. Se necessario, è previsto un corso di formazione gratuito a carico dell’azienda, mentre restano a carico del candidato le sole spese di vitto e alloggio. La retribuzione indicata sull’annuncio può oscillare dai 400 ai 1.500 euro al mese.
Gli interessati possono candidarsi, inviando una mail con il CV, completo di foto recente, a: [email protected] e, per conoscenza, a [email protected]
A questo link potete trovare l’annuncio ufficiale pubblicato sul sito Eures.

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di lunedì 21 dicembre

Next Article

L'abecedario della Nasa: montagne, fiumi e isole diventano lettere dell'alfabeto

Related Posts
Leggi di più

Il mondo della comunicazione è sempre più giovane: il 53% degli occupati è under 35

Un dipendente su due che lavora nel mondo della comunicazione ha meno di 35 anni. E' quanto emerge da un'indagine condotta su un campione di 172 aziende e condotta da Una, Aziende della comunicazione unite, e Almed, Alta Scuola in Comunicazione, Media e Spettacolo, dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. Negli ultimi anni c'è stato un calo dell'occupazione femminile.