ENEL Lavora con noi: Posizioni aperte e come candidarsi

Enel SpA è il più grande operatore elettrico d’Italia e la seconda utlity europea quotata per capacità installata. E’ nata come ente pubblico nel 1962, con il nome di Ente nazionale per l’energia elettrica. E’ stata trasformata in società per azioni nel 1992. Oggi è un’azienda multinazionale, che produce e distribuisce energia elettrica e gas in più di 30 Paesi del mondo, in particolare in Europa e America Latina. Il Gruppo ENEL ha sede principale a Roma ed è quotato alla Borsa Italiana. Conta attualmente circa 62mila dipendenti e 61 milioni di utenze a livello globale.
In Italia, Enel opera attraverso diverse società: Enel Distribuzione SpA, Enel Energia SpA (per il mercato libero e il risparmio energetico), Enel Factor (servizio finanziario di factoring), Enel Green Power SpA (per le fonti rinnovabili), Enel Servizio Elettrico SpA e Enel Sole (illuminazione pubblica ed artistica).
l Gruppo Enel è in espansione, e sta portando avanti il piano assunzioni per il 2016 – 2020, che prevede la creazione di ben 3Mila posti di lavoro. I nuovi inserimenti saranno effettuati in concomitanza con 6Mila prepensionamenti previsti per favorire il turn over del personale.
L’iniziativa rientra nell’ambito del più generale programma strategico triennale di riassetto dell’azienda. Quest’ultimo è incentrato sullo sviluppo delle nuove tecnologie e delle energie alternative. Inoltre, 500 nuove assunzioni in ENEL saranno effettuate già entro il 2019, grazie ad un accordo siglato recentemente con le organizzazioni sindacali.
Il colosso italiano dell’energia utilizza, tra i principali strumenti di reclutamento, il portale riservato alle carriere e selezioni, che è stato recentemente rinnovato. Attraverso lo stesso vengono pubblicate le posizioni aperte presso il Gruppo e si procede alla raccolta dei curriculum. I candidati interessati a lavorare in ENEL, infatti, possono utilizzare il servizio web gratuito per prendere visione delle opportunità professionali disponibili. Possono inserire il cv nel data base aziendale e rispondere online agli annunci di interesse.
Per utilizzare la piattaforma web occorre registrarsi gratuitamente, creando il proprio profilo online. La registrazione può essere effettuata anche utilizzando il proprio account presente su Google+ o Yahoo!, se si è iscritti. Coloro che si sono già registrati, possono invece accedere direttamente utilizzando le credenziali di accesso, ovvero il nome utente e la password. Una volta effettuato il login possono inviarele candidature per le opportunità di impiego attive e possono salvare le offerte di lavoro nella propria area personale, per utilizzarle successivamente, selezionando la voce ‘Salva ricerca’.
Gli interessati alle future assunzioni ENEL e alle opportunità di lavoro attive possono candidarsi visitando la pagina dedicata alle ricerche in corso del Gruppo, “ENEL Lavora con noi”, e inviando il cv tramite l’apposito form online.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturità 2019: scompare la tesina

Next Article

Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica 2018

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.