Egitto, riaprono i campus universitari

Riapriranno sabato 5 marzo le università egiziane, chiuse da quando sono cominciate le rivolte della rivoluzione. Lo ha deciso il ministro dell’Istruzione Ahmad Gamal Eddam Mussa…

Riapriranno sabato 5 marzo le università egiziane, chiuse da quando sono cominciate le rivolte della rivoluzione. Lo ha deciso il ministro dell’Istruzione Ahmad Gamal Eddam Mussa, il quale ha anche dato disposizione che gli agenti di polizia cessino di presidiare i campus universitari, in attuazione ad una sentenza dell’alta corte egiziana dello scorso ottobre.

L’alta corte aveva stabilito la fine della presenza trentennale della polizia nei campus universitari, ma la sentenza non aveva ancora avuto seguito. Il ministro dell’istruzione ha anche deciso di consentire l’accesso agli esami delle studentesse che si presentano col niqab, il velo islamico integrale che copre anche il viso. Il precedente ministro dell’Istruzione aveva disposto il divieto alle studentesse di presentarsi col volto coperto agli esami ma un tribunale gi ha dato torto.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Salatino: "Informazioni infondate"

Next Article

I giovani celebrano l'enogastronomia, i beni culturali e il Made in Italy

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.