Salatino: “Informazioni infondate”

Dopo la sigla dell’accordo sulle Università campane è nato scompiglio e preoccupazione tra gli studenti della facoltà di ingegneria della Federico II.

Dopo la sigla dell’accordo sulle Università campane tra il Ministro Gelmini e il Presidente Caldoro, è nato scompiglio e preoccupazione tra gli studenti della facoltà di ingegneria della Federico II che hanno visto gambizzato il corso di ingegneria aerospaziale. Il Preside Salatino tranquillizza gli studenti: “A ingegneria non sarà soppresso alcun corso”.

Informazioni false e infondate circolate sui giornali, ecco di cosa si è trattato – ci ha detto il Preside – l’offerta formativa di ingegneria resterà invariata e voglio subito puntualizzare un dato: non esiste un cdl quadriennale in ingegneria aerospaziale, quel sistema era solo un’opzione data agli studenti in seguito alla nascita del 3+2. Chi voleva, aveva la possibilità di spalmare gli esami su quattro anni anziché tre”.

Gli studenti possono quindi rilassarsi, nessun corso sarà soppresso presso la facoltà federiciana. “Questo accordo è estremamente positivo e crea le premesse per pensare ad una università regionale fatta di condivisione e crescita” ha affermato Salatino. Per gli studenti della facoltà anche una novità in programma: “In preaccordo Gelmini abbiamo sottoscritto un’intesa con l’Università del Sannio grazie al quale attiveremo cdl interateneo. In modo particolare per ingegneria energetica e ingegneria civile” ha spiegato il Preside.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giovanni Allevi a Benevento

Next Article

Egitto, riaprono i campus universitari

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".