Effetto crisi: i quarantenni tornano all’Università per trovare un lavoro migliore

quarantenni all'università
Sono sempre di più i quarantenni che tornano all’Università per trovare lavoro

Quarantenni tornano all’UniversitàUn’indagine del Ministero dell’Istruzione spagnolo rivela la tendenza: over 40 negli Atenei aumentati del 400 %. In Spagna sono disoccupate 4,8 milioni di persone, pari al 26,5 % della forza lavoro

 

La crisi perdura e molti lavoratori perdono il posto o rischiano di perderlo; la soluzione? Tornare sui banchi di scuola, meglio se all’Università, e ottenere un titolo di studio che apra nuove prospettive.

È quanto emerge da un’indagine condotta dalla IMF Business School, commissionata dal Ministero dell’Istruzione, cultura e sport spagnolo sull’età media degli iscritti a corsi di istruzione superiore nel paese iberico.

Dalla ricerca è emerso che negli ultimi anni, quelli appunto della crisi, l’età dei laureati è aumentata: i neo dottori tra i 31 e i 40 anni rappresentano il 12 % del totale, quasi il doppio rispetto a dieci anni fa. Gli ultraquarantenni, poi, sono diventati il 6% di tutti gli studenti universitari, con un incremento del 49% rispetto allo scorso anno, del 129% negli ultimi cinque anni e del 400% negli ultimi 10.

Un esercito di lavoratori e disoccupati che spera di trovare un posto o di rafforzare quello che già occupano grazie a un titolo di studio superiore.

“Abbiamo visto crescere sempre più richieste da persone con più di 40 anni – afferma il direttore di IMF Business School, Carlos Martinez – Uno studente del XXI secolo non è come uno di 20-25 anni fa. Ora proliferano altri profili, aumentano gli immigrati e sono sempre di più i genitori con figli a carico, in cerca di un futuro migliore”.

Bisogna ricordare, infatti che la Spagna rappresenta, dopo la Grecia, il paese europeo con il più alto numero di disoccupati: 4,8 milioni, pari al 26,5 % dell’intera forza lavoro.

“Casalinghe, lavoratori precari o disoccupati ed extracomunitari – ha continuato Martinez – riempiono le aule perché fattori come la disoccupazione, la cassa integrazione e, dal lato opposto, la richiesta di figure con elevata competenza professionale induce chi ha sospeso gli studi a riprendere i libri sperando in maggiori opportunità”.

Viene da domandarsi, allora, se anche in Italia si registri una simile tendenza.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sabato musei aperti e gratuiti fino a mezzanotte – Tornano Una notte al museo e le Giornate europee del Patrimonio

Next Article

Face: il robot dal volto di donna che parla con la gente

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.