Ecco la patente a punti anche per motorini e minicar

Patente a punti per per motorini e minicar

In arrivo la patente a punti anche per motorini e macchinette. La novità è stata annunciata direttamente dal Ministro dei Trasporti Maurizio Lupi, dopo che il Consiglio dei Ministri ha approvato il disegno di legge che riforma il Codice della strada.

“Sinora ai minorenni – ha spiegato Lupi – non potevano venire applicate le sanzione in cui incorre l’adulto con la patente a punti. Con il nuovo codice queste patenti sono in tutto uguali a quelle a punti, e potranno venire sospese e ritirate”.

Una misura necessaria per regolamentare definitivamente il settore dei motocicli e dei quadricicli, abitualmente chiamati Minicar, e per ridurre il numero di feriti e di decessi tra i ragazzi.

Secondo dati Aci del 2012, infatti, il numero dei ragazzi che hanno perso la vita in incidenti mortali in cui sono coinvolti motorini e macchinette è secondo solo a quello delle auto (875 i primi, 1.188 i secondi), mentre i sinistri in cui i giovani piloti sono rimasti feriti sono stati 48.371.

Il Decreto proposto dal Ministro Lupi, inoltre, servirà a stilare un nuovo Codice della strada, che avrà come capisaldi la sicurezza stradale, la prevenzione e l’educazione degli utenti della strada.

“Ci sarà da fare innanzitutto un grande lavoro di semplificazione – ha affermato il Ministro dei Trasporti – il nuovo codice avrà poche norme mentre tutto ciò che è adeguamento allo sviluppo tecnologico e alle disposizioni europee, che sono in continua evoluzione, troverà spazio nel regolamento, che è modificabile in modo più celere”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Alcol, Facebook e solitudine: benvenuti nel mondo delle ragazzine drunkoressiche: "Sono impressionato"

Next Article

L'amore, il viaggio e il destino: Dario Lombardo e quel treno maledetto per Santiago. "Mai una tragedia così banale"

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident