L’amore, il viaggio e il destino: Dario Lombardo e quel treno maledetto per Santiago. “Mai una tragedia così banale”

Dario Lombardo

“Non ascolto il passato e non guardo il futuro… Mi sento vivo”. Eccolo l’ultimo messaggio di Dario Lombardo, lasciato su Facebook. La Farnesina ha data conferma alla notizia: Dario è l’unico italiano ad aver perso la vita nell’incidente del treno a Santiago de Compostela. Sconcerto e dolore a Forza D’Argò, il paesino nel messinese di cui Dario era originario. Ancora prima della conferma ufficiale, tutto il paese continuava a sperare. Poi, lo sconforto. “Non abbiamo voglia di parlare in questo momento”- raccontano. Dario era iscritto a Lettere presso l’Università di Catania: aveva trascorso 14 anni all’estero, conosceva l’italiano, l’inglese e il tedesco.

“È morto perché voleva rivedere una ragazza e perché ha perso l’aereo. Mai tragedia ha avuto cause così banali” – scrive Alberto Mattioli, inviato della Stampa a Santiago. Proprio qui Dario aveva conosciuto e si era innamorato di una ragazza ucraina, durante uno scambio di studenti. Da lì, la decisione di ripassare dalla cittadina, prima di ripartire per la Germania, dove vivono i genitori, per trascorrere le vacanze con loro.

 Dario Lombardo 1Poi, ancora il destino:  atterrato in ritardo dall’Italia all’aeroporto di Madrid, Dario perde il volo per Santiago. Non vuole fare aspettare gli amici con cui si era trovato così bene, magari soprattutto un’amica, e allora sale sul primo treno. È il maledetto convoglio Alvia 141, alta velocità da Madrid a Ferrol. Dario è al telefono con la ragazza alle 20.41, quando il macchinista dell’Ave, il Pendolino spagnolo, perde la testa e imbocca ai 190 all’ora una curva pericolosa dove il limite di velocità è 80. E’ la fine.

Dicono che la ragazza ucraina di cui Dario si era innamorato abbia voluto incontrare la madra. Dicono che il sindaco abbia “bruciato” la Farnesina annunciando in anticipo il lutto cittadino a Forza D’Argò. Oggi, di fronte a una tragedia simile, si ripensa a Dario con le sue stesse parole:

Mi esalto nel presente, provo gioia come un bambino quando noto un fiore..

chiametemi anche folle e pazzo se non condivido questa società incestinata e preconfezionata, vedo zombie che si nutrono di cadaveri…

Vedo miseria frutto di ignoranza…

Sorrido perche sono l’artefice della mia vita… Sorrido perche sono io a scegliere il mondo che voglio…

Essere… Ogni istante lucido e conscio per Sentire il silenzio nella mente, lì dove gli altri non arrivano…

Per sentire col cuore e tutti I sensi, le meraviglie donateci da Madre natura in questa vita piena di sorprese!”

 

Ciao Dario.

 

Raffaele Nappi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ecco la patente a punti anche per motorini e minicar

Next Article

Giovani laureati in Yoox

Related Posts
Leggi di più

Studente muore schiacciato da una trave d’acciaio: era all’ultimo giorno di stage gratuito in azienda

Lorenzo Parelli aveva 18 anni e ieri stava per completare il tirocinio in un'azienda meccanica della provincia di Udine dove viveva. La Procura adesso ha aperto un'inchiesta per ricostruire l'esatta dinamica dei fatti. La Rete degli studenti medi attacca: "Non si può morire mentre si sta facendo quella che dovrebbe essere un'attività didattica"