Ebookcamp, gli editori aiutano la scuola ad uscire dalla crisi

Schermata 2013-03-01 a 12.40.14

Gli editori digitali aiutano la scuola ad affrontare la crisi economica e la mancanza di fondi attraverso una nuova piattaforma digitale e si organizzano per facilitare l’uso degli ebook tra insegnanti e alunni. Domani e domenica si svolgera’ a Cosenza, all’interno della Casa delle Culture, la quarta edizione dell’Ebookcamp, dove si parlara’ di editoria digitale e delle evoluzioni che il settore sta vivendo. Quest’anno il focus e’ appunto sulla scuola.

Si incontreranno insegnanti e editori digitali per discutere le iniziative per favorire l’uso degli ebook nelle scuole, con molteplici vantaggi: dal risparmio economico per le famiglie all’accessibilita’ semplificata per insegnanti e alunni. Quest’anno l’editore Simplicissimus Book Farm presenta una proposta per l’editoria scolastica: si tratta di una applicazione web che consentira’ ad ogni scuola di gestire un suo autonomo portale, da cui potra’ controllare i livelli di accesso. In pratica le scuole potranno effettuare: ingestion dei contenuti didattici “adottati” da editori; ingestione dei contenuti didattici autoprodotti; Mixaggio (con “slicing” dei libri) di contenuti editoriali + autoprodotti da parte dell’insegnante per formare il “kit” del suo corso; gestione della vendita/download/fruizione del kit; ambiente di interazione di classe/scuola

La piattaforma sara’ offerta gratuitamente alle scuole. Inoltre potranno generare un introito economico attraverso la gestione di un ”kit editoriale” e portare nelle proprie casse un po’ di soldi derivanti dalla vendita dei ”kit”, aiutando quindi anche le famiglie. Il margine delle vendite di libri andra’ direttamente alle scuole e non alla grande distribuzione, come accade oggi. Il settore degli ebook cosiddetto trade si sta stabilizzando e ha ormai una sua forma ben riconoscibile, la scuola e’ ancora molto indietro. Tra decisioni ministeriali prima prese e poi ritirate, ritardi nelle scuole, mancanza di fondi e spesso poca conoscenza del settore, aldila’ di alcuni esperimenti pilota non c’e’ ancora una vera e propria coscienza digitale all’interno del sistema scolastico italiano.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lo sport a Roma Tre: torneo di burraco

Next Article

I colpi di testa danneggiano il cervello

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.