“E’ la scuola il luogo più pericoloso per i bambini”

maltrattamenti-alunni-int

E’ la scuola il luogo in cui i bambini sono maggiormente in pericolo nel mondo. Un report della Plan International, che verrà presentato alla Commissione delle Nazioni Unite sulla condizione delle donne, rivela che tra i 500 milioni e un miliardo e mezzo di bambini subiscono violenza fisica, psicologica e sessuale in classe.

Molestie, stupri, maltrattamenti ed episodi di sfruttamento: anche questo è la scuola oggi nel mondo. La metà degli episodi si verifica contro bambine che hanno meno di 16 anni.

Dopo la scuola, i rischi più elevati per la sicurezza dei bambini vengono dalla strada. Spesso, oltre ai pericoli che si celano all’interno delle mura scolastiche, i piccoli alunni devono affrontare intimidazioni e aggressioni durante il tragitto per il ritorno a casa dopo le lezioni. Molto spesso, però, sono proprio educatori ed insegnanti ad approfittare di loro.

Le bambine che non vanno a scuola oggi nel mondo sono 66 milioni. Tra le cause di questa assenza, stereotipi di genere, povertà, bassa stima dei genitori nei confronti della scuola ma anche il timore della violenza. 

Per questo, Plan International chiederà che le Nazioni Unite si impegnino per prevenire ed eliminare tutte le forme di violenza contro bambine e donne nel mondo. Anche e soprattutto nelle scuole.

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cagliari, nasce il "Google della genetica"

Next Article

"L'Italia sono anch'io", la campagna per una legge sulla cittadinanza

Related Posts
Leggi di più

Concorso scuola, docenti chiedono di riaprire le domande

Iscrizioni sono state chiuse il 31 luglio 2020. Altri candidati hanno acquisito il requisito di partecipazione, altri chiedono di modificare la regione dato che la scelta era stata avanzata sulla base di una eventuale prova preselettiva adesso eliminata
Leggi di più

Scuola, l’organico Covid prorogato fino a giugno

Soddisfatti i rappresentanti dei lavoratori e i dirigenti scolastici. Il personale inserito tra settembre e inizio ottobre nelle classi per dare un aiuto concreto ai docenti curriculari, potrà continuare a lavorare fino alla fine dell’anno