E la pornostar candidata promette un poster autografato

amandha Fox

«Stanco del Porcellum? Basta con le solite facce da c… Scegli Amandha Fox». Di nome fa Amandha e di professione la pornostar. Dopo la sua candidatura a sindaco di Taranto, l’attrice ha fatto una nuova promessa: un poster autografato con tanto di lato B in bella mostra per tutti coloro che dimostreranno di non andare a votare.

E’ l’ennesima polemica elettorale. «Il mio intento è chiaro – ha spiegato Amandha -. E’ una provocazione finalizzata a mettere in ridicolo la strapagata classe politica italiana in tempo di elezioni per il rinnovo della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica. Per questo motivo, regalerò il mio manifesto autografato a tutti gli elettori che dimostreranno attraverso l’indirizzo di posta elettronica [email protected] di non essersi recati alle urne a partecipare al rinnovo di questo parlamento bulgaro imposto dai leader dei vari partiti che hanno stabilito a tavolino nomi e cognomi dei futuri deputati che siederanno in parlamento».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Napoli, tentano la rapina ma la scuola è seggio elettorale

Next Article

Fotografa la tessera: "Volevo un ricordo". Anche a Pescara denunciato un imprenditore

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.