E’ giunta “L’Ora X”

tempo.jpgIl Museo Archeologico Nazionale di Napoli nella Sala della Meridiana ospiterà, a partire da sabato 28 novembre, una installazione del maestro Giulio Paolini intitolata “L’Ora X. Né prima né dopo”.

L’opera del maestro sarà in esposizione al museo fino al 18 gennaio. Alla conferenza stampa di presentazione dell’opera che si terrà sabato 28 alle ore 12.00, parteciperanno Gregorio Angelini Direttore Regionale della Campania, Riccardo Marone Assessore al Turismo della Regione Campania, Mariarosaria Salvatore Soprintendente per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei ed Anna Mattirolo Curatore della mostra.
Sarà presente anche lo stesso Paolini il quale si è detto influenzato dalla Meridiana, come in fondo è sempre stato influenzato dal tempo. Una ricerca, quella paoliniana, costante, di un tempo che sovrappone presente e passato rendendoli inscindibili nella storia dell’arte.

La mostra sarà accompagnata da un volume della editrice Electa della collana “Pesci rossi” con testi di Giulio Paolini, Rossana S. Pecorara, Anna Mattirolo e Chiara Bertola, arricchiti da una documentazione fotografica della rassegna a cura di Luciano Romano.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Proteggere la biodiversità

Next Article

Pedagogia per nuovi cittadini

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.