Proteggere la biodiversità

il_ruolo_dell_agricoltura_nel_fronteggiare_i_cambiamenti_climatici_articolo.jpgIn occasione della Giornata mondiale sull’Alimentazione, la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, che si è sempre distinta per l’attenzione dedicata a problematiche quali la salvaguardia della biodiversità ed il recupero delle colture tradizionali, ospiterà due convegni.
Quello odierno, intitolato “Strategie integrate per la valorizzazione della biodiversità vegetale agraria, naturale e culturale delle aree interne e montane“, organizzato da Luca Sebastiani e da Agostino Stefani entrambi docenti del Sant’Anna, avrà tra gli ospiti il prof. Michel Dubost Executive Director dell’International Center for Alpine Environments, ICALPE, Corsica, France e ancora l’intervento di Federico Barli Assessore al Turismo e Agricoltura della Provincia di La Spezia.
Il secondo convegno, intitolato “Cambiamenti climatici e agrobiodiversità” e organizzato in collaborazione con l’Accademia Nazionale delle Scienze e con l’Enea (Ente per le Nuove Tecnologie, l’Energia e l’Ambiente)avrà luogo il 1° dicembre.
In questa giornata verranno affrontati diversi temi tra cui l’influenza dei cambiamenti climatici sull’agricoltura e sulla gestione sostenibile degli agroecosistemi.
Interverrà tra gli altri il dott. Nicola Colonna del centro Enea.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Dai un calcio alla droga"

Next Article

E’ giunta “L’Ora X”

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".