ESCLUSIVA-Bimbo morto soffocato, la disperazione della mamma: “Stamattina non voleva andare a scuola”

napoli, bambino morto a scuola

La morte è giunta improvvisa. Un bambino di quattro anni è deceduto pochi minuti fa all’ospedale Cardarelli di Napoli, dove era stato portato d’urgenza poichè non respirava.

Il piccolo (residente pare nel parco Riccio), secondo le prime ricostruzioni, avrebbe ingerito un pezzo di mozzarella durante il pranzo alla mensa della scuola Minucci. Poi il dramma con evidenti segni di soffocamento.

In attesa dell’ambulanza, il personale della scuola avrebbe tentato,  pare tradendo i protocolli, le prime manovre di soccorso. Purtroppo, però, non c’è stato nulla da fare. Il bambino è morto durante il tragitto verso il vicino ospedale.

I due genitori, avvisati immediatamente, sono accorsi subito all’ospedale napoletano.

I FATTI– Secondo le prime ricostruzioni questa mattina il piccolo Patrizio 4 anni, avrebbe chiesto di non andare a scuola, ma la madre, pensando ad un banale capriccio,  lo ha comunque accompagnato in classe. Nei minuti successivi la tragedia, la donna, da due mesi nuovamente madre, sarebbe giunta sul posto disperandosi e dandosi la colpa dell’accaduto. Uno zio, accorso alla Minucci,  avrebbe tentato l’inutile corsa in ospedale con la sua auto nel frattempo altri parenti del piccolo si sarebbero precipitati presso la scuola aggredendo tutti.

Ci sarebbero state anche colluttazioni violente con mamme ferite e bimbi terrorizzati.

Sul posto anche la Polizia che ha già aperto un’indagine per accertare eventuali responsabilità.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ecco cosa pensa Papa Francesco della scuola

Next Article

Ingegnere a bordo su Italo

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.