Docenti vaccinati, meno soldi se a casa per effetti collaterali

A denunciare la situazione è l’onorevole Vittoria Casa (5Stelle) che in questi giorni ha presentato un’interrogazione

Docenti vaccinati ma con meno soldi nel caso di effetti collaterali. Scoppia il caso degli insegnanti che in questi giorni hanno iniziato a fare la tanto attesa iniezione, spesso sono stati costretti a ricorrere a dei permessi retribuiti (nel caso di insegnanti di ruolo) o non retribuiti nel caso del personale supplente, per poterla effettuare. Non solo. A mandare su tutte le furie maestri e professori è anche la cosiddetta “trattenuta Brunetta”, ovvero un decremento stipendiale che scatta in caso di malattia e che è entrato in vigore anche per quegli insegnanti che per effetti collaterali del vaccino sono stati costretti a restare a casa con febbre alta o dolori.

A denunciare la situazione è l’onorevole Vittoria Casa (5Stelle), presidente della commissione Cultura della Camera, che in questi giorni ha presentato un’interrogazione per sollecitare l’introduzione di un permesso ad hoc per il vaccino e per disciplinare i giorni di assenza dovuti alle eventuali conseguenze senza intaccare la retribuzione. “Purtroppo sul tema riguardante i permessi e i vaccini del personale scolastico – spiega Casa – le norme sono chiare ma vanno in palese contraddizione con la situazione di fatto. Siamo tutti d’accordo sul fatto che la campagna vaccinale sia la priorità delle priorità, che il nostro ritorno a una vita piena dipenda esclusivamente dalla sua riuscita. Visto il carattere volontario della vaccinazione, occorre fare tutti uno sforzo per eliminare qualsiasi ostacolo si intrometta con l’obiettivo fondamentale della salute pubblica. Mi chiedo come si possa penalizzare un dipendente pubblico che ha fatto semplicemente il suo dovere civico”.

“Ho preso due giorni di malattia post vaccino perché avevo la febbre alta e dolori simili all’influenza – afferma Antonella Vaccaro, docente napoletana -. Non ho dovuto prendere permessi perché la vaccinazione era di sabato pomeriggio ma molti colleghi e personale Ata hanno dovuto prendere o ferie o permessi. Non avevamo possibilità di scegliere l’orario. Ci siamo prenotati sulla piattaforma e abbiamo ricevuto un messaggio con l’ appuntamento”. La questione ora è arrivata sulla scrivania del ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi che dovrà rispondere all’onorevole Casa. Intanto ogni preside si sta regolando come meglio crede visto che non ci sono state indicazioni chiare da parte degli uffici scolastici regionali e da viale Trastevere.

Leggi anche:

https://corriereuniv.it/2021/03/scuola-via-libera-ai-primi-62-milioni-di-euro-per-il-contrasto-delle-poverta-educative-della-dispersione-e-per-favorire-linclusione/
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Istituto Nazionale Geofisica Vulcanologia: concorsi per nuove assunzioni

Next Article

Edilizia scolastica: sbloccati 1 miliardo e 125 milioni di euro per sicurezza e riqualificazione energetica delle superiori

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident