Diventare fotografi? Anche la formazione professionale è questione di stile

Trasformare la propria passione in un lavoro. Per chi ama raccontare attraverso le immagini, immortalare degli attimi o semplicemente scattare istantanee per piacere, oggi è possibile acquisire una profonda conoscenza delle tecniche, dei linguaggi e dei materiali fotografici attraverso il corso Superiore Professionale biennale di Istituto Italiano di Fotografia di Milano.

L’Istituto Italiano di Fotografia forma professionisti, con una spiccata sensibilità creativa e la visione critica, elementi indispensabili per tradurre in immagini le tendenze e i valori della società odierna. Tra i punti di forza della didattica c’è sicuramente l’alternanza tra gli approfondimenti teorico/tecnici e gli impegni pratici, proprio per fornire agli studenti gli strumenti necessari allo sviluppo di un proprio stile e per la realizzazione di un portfolio personale, vero biglietto da visita per proporsi al mondo del lavoro.

Sarà possibile entrare in contatto con importanti realtà del settore attraverso le collaborazioni che l’Istituto vantacon aziende, prestigiosi istituti di formazione, riviste e agenzie. Il valore aggiunto dell’ Istituto è anche la presenza di tre sezioni – SCHOOL, ARTSIDE, PRODUCTION – che si occupano rispettivamente di didattica e formazione professionale, mostre e placement – che collaborano per garantire agli studenti imperdibili opportunità collaborative.

Per iniziare basta una fotocamera reflex digitale, per misurarsi con le reali esperienze sul campo: https://www.istitutoitalianodifotografia.it/index.php?lang=it&a=corsi

Speciale a cura di “All Social srl

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Per la prima volta un congresso mondiale sulla memoria prospettica a Napoli. L'intervista di CorriereUniv

Next Article

Dall'anno prossimo il via all'alternanza scuola-lavoro per gli studenti di IV e V superiore

Related Posts
Leggi di più

Otto studenti su dieci a scuola in presenza: ecco i nuovi dati del Ministero sul rientro in classe. I docenti assenti sono l’8%

Il Ministero dell'Istruzione ha diffuso i dati sulle presenze a scuola nella settimana che va dal 17 al 22 gennaio. Tra Dad e Ddi le classi che stanno facendo lezione a distanza sono il 30% del totale. Il ministro Bianchi: "Numeri che dimostrano la bontà delle scelte fatte. Adesso regole più semplici per aiutare studenti e famiglie".
Leggi di più

Un’intera classe in sciopero contro il compagno bullo. I genitori: “Da due anni i nostri bambini vivono in un incubo”

Scoppia la protesta contro il bullismo in un istituto di Jesi, in provincia di Ancona. Quattordici genitori decidono di non mandare più i loro figli a scuola per la presenza di un bambino che avrebbe atteggiamenti violenti contro di loro, denunciando denti rotti, Amuchina negli occhi, insulti e minacce. La preside: "Problema c'è ma è stato ingigantito".