Disneyland Paris, opportunità di lavoro per 45 giovani italiani

Opportunità di lavoro per 45 giovani italiani a Disneyland Paris. Il portale di placement della Comunità europea Eures ha pubblicato un annuncio rivolto esclusivamente a madrelingua italiani che vogliano lavorare nel più grande parco divertimenti del vecchio continente.
I ruoli per cui sono aperte le candidature sono due: ruoli danzanti (maschili e femminili) e  non danzanti di personaggi Disney.
Possono partecipare ai casting giovani che abbiano almeno 18 anni d’età, siano madrelingua italiani e posseggano una buona conoscenza della lingua francese o di quella inglese, abbiano buone capacità di movimento e danza (per i soli ruoli danzanti), e caratteristiche fisiche simili ai personaggi interpretati (per i soli ruoli danzanti. Quelli non danzanti sono corredati da apposita maschera). Completano il profilo dinamicità ed entusiasmo, indispensabili per lavorare in un contesto simile.
Per alcuni dei ruoli proposti viene offerto il contratto di lavoro a tempo indeterminato (con inizio tra ottobre 2015 e gennaio 2016), per gli altri si tratterà di un contratto a tempo determinato con inizio a cavallo tra ottobre e novembre 2015 fino al termine di gennaio 2016. I ruoli danzanti percepiranno 1.700 euro lordi al mese, quelli non danzanti 1.500.
Le audizioni si svolgeranno a Roma, il 4 ottobre 2015 presso IALS in via Cesare Fracassini, 60 (metro A Fermata Flaminio). Per candidarsi è necessario presentarsi alle ore 10.00, muniti di un CV in lingua francese o inglese, un documento di identità valido, una penna. I candidati sono invitati a non portare trucchi per il viso.
Per maggiori informazioni, a questo link potete scaricare la locandina ufficiale della audizioni Disneyland Paris.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Test Medicina 2015: pubblicate domande e risposte corrette. Controlla il tuo punteggio

Next Article

La rassegna stampa di mercoledì 09 settembre

Related Posts
Leggi di più

Un lavoro da 1.250 euro al mese? I neolaureati dicono no

I dati del 26esimo rapporto di Almalaurea fotografano un cambiamento di esigenze da parte di chi si affaccia, dopo l'università, sul mercato del lavoro: non si è più disposti ad accettare stipendi non ritenuti consoni al titolo di studio ottenuto.