Dino Distefano, un Nobel per le mille idee

Da Biancavilla a Londra, passando per l’Olanda. Dino Distefano, 39 anni, genio informatico di Catania, giovedì sera ritirerà presso la Royal Society di Londra il “Roger Needdham award”, una sorta di  premio Nobel per l’informatica per tutti coloro i quali si sono distinti nei 10 anni successivi al raggiungimento del dottorato.

Eppure Dino aveva provato a lavorare anche in Italia, ma era stato bocciato al concorso cui aveva partecipato all’Università di Pisa, forse per far posto ai raccomandati di turno.

Di lì la decisione di abbandonare l’Italia. Prima direzione Olanda, poi Inghilterra. E i risultati non si sono fatti attendere. Dino Distefano è stato nominato professore ordinario alla Queen Mary University, entrando di diritto nella comunità scientifica mondiale.

D’altronde per lui, il computer, è un motivo di vita. “Lo usavo fin da bambino”- ricorda in un’intervista al “Corriere della Sera”.

Poi, arriva il premio. Dino, grazie alle sue competenze informatiche, e grazie al team di lavoro (composto tra l’altro da un italiano, un coreano e un inglese) è riuscito nell’impresa di mettere il sigillo al “software dei software”, un sistema che scioglie un problema considerato irrisolvibile da anni. Non a caso è stata ribattezzata “un’idea da un miliardo di dollari”.

L’”Infer” (questo il nome del dispositivo) riesce a testare preventivamente i macchinari prima che vadano in crash. Una sorta di medicina preventiva, utilizzata oggi dalla Apple, Microsoft e dagli Airbus.

Dino dice di non aver nostalgia dell’Italia. E ne ha buone ragioni. La sua start-up (“Monoidcs Limited”) con sede a Londra va alla grande.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dall'Europa bandi in tutte le lingue

Next Article

Musei in musica, concerti indie e favole tra gli appuntamenti della settimana a Roma

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.