Dall’Europa bandi in tutte le lingue

Basta discriminazioni linguistiche.  Da oggi i bandi europei non saranno più disponibili in solo inglese, francese e tedesco. La decisione arriva dopo il ricorso presentato dall’Italia presso la Corte di giustizia europea.

In particolare le proteste derivavano dal sistema messo in piedi per l’Epso (Ufficio per la selezione del personale dell’Ue)  che si occupa dei concorsi per la selezione e l’assunzione di funzionari Ue. Nello specifico il ricorso parte dal 2007, quando vennero pubblicati bandi per assistenti e operatori dell’informazione in inglese, francese e tedesco. Secondo le procedure, poi, le selezioni si basavano su prove e colloqui obbligatoriamente in una di queste tre lingue.

Da qui la protesta italiana, che aveva mirato anche all’annullamento dei bandi. Dopo il rigetto, l’Italia ha così intrapreso la via della Corte di Giustizia, parlando chiaramente di “errore di diritto”. Da qui, dopo 5 anni, arriva la decisione ufficiale; niente più “discriminazioni in base alla lingua” e niente più obblighi di prove e test in inglese, tedesco e francese.

Tutte le 23 lingue europee sono ufficiali, e tali rimarranno anche nei bandi. Una buona notizia per gli studenti italiani che, perlomeno, non dovranno più armarsi di vocabolari e traduttori prima di leggere un bando dell’Ue. Poi, superarlo, è tutta un’altra cosa.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La Fondazione Crui mette a disposizione 34 tirocini presso il ministero dell'Economia e delle Finanze

Next Article

Dino Distefano, un Nobel per le mille idee

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.