Dall’Europa bandi in tutte le lingue

Basta discriminazioni linguistiche.  Da oggi i bandi europei non saranno più disponibili in solo inglese, francese e tedesco. La decisione arriva dopo il ricorso presentato dall’Italia presso la Corte di giustizia europea.

In particolare le proteste derivavano dal sistema messo in piedi per l’Epso (Ufficio per la selezione del personale dell’Ue)  che si occupa dei concorsi per la selezione e l’assunzione di funzionari Ue. Nello specifico il ricorso parte dal 2007, quando vennero pubblicati bandi per assistenti e operatori dell’informazione in inglese, francese e tedesco. Secondo le procedure, poi, le selezioni si basavano su prove e colloqui obbligatoriamente in una di queste tre lingue.

Da qui la protesta italiana, che aveva mirato anche all’annullamento dei bandi. Dopo il rigetto, l’Italia ha così intrapreso la via della Corte di Giustizia, parlando chiaramente di “errore di diritto”. Da qui, dopo 5 anni, arriva la decisione ufficiale; niente più “discriminazioni in base alla lingua” e niente più obblighi di prove e test in inglese, tedesco e francese.

Tutte le 23 lingue europee sono ufficiali, e tali rimarranno anche nei bandi. Una buona notizia per gli studenti italiani che, perlomeno, non dovranno più armarsi di vocabolari e traduttori prima di leggere un bando dell’Ue. Poi, superarlo, è tutta un’altra cosa.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La Fondazione Crui mette a disposizione 34 tirocini presso il ministero dell'Economia e delle Finanze

Next Article

Dino Distefano, un Nobel per le mille idee

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.