Diamo credito agli studenti

Finanziamenti per i giovani studenti con il nuovo programma Diamogli Credito 2011, realizzato dal Ministero per le Politiche Giovanili e dall’ABI, in collaborazione con il Ministero dell’Università e Ricerca e quello delle Riforme, per dare credito agli universitari in merito al pagamento degli studi o le piccole spese come l’acquisto di un pc o la caparra per l’affitto di una casa per i fuori sede.

Il progetto prevede l’erogazione di un prestito personale che possono richiedere gli studenti universitari e post universitari, residenti in Italia,  tra i 18 e i 35 anni. Pertanto l’iniziativa non presenta limiti di provenienza.

Il soldi richiesti potranno essere impiegati dai giovani per spese connesse alla loro condizione di studente. Per esempio,  pagare le rate delle tasse universitarie, finanziare il viaggio e il soggiorno Erasmus, iscriversi ad un master universitario, acquistare un pc portatile,  dotato di tecnologia wi-fi, pagare le spese d’affitto e l’eventuale intermediazione di un’immobiliare.

Gli studenti che intendono fare richiesta devono chiedere presso la propria segreteria il modulo di adesione al progetto Diamogli Credito 2011, che dovrà essere riconsegnato debitamente compilato. Se lo studente avrà tutti i requisiti la segreteria darà un codice PIN da consegnare alla banca per ottenere il prestito.

Il prestito rappresenta un’agevolazione nella costruzione del percorso di vita di un giovane.  L’esempio che ci viene dai paesi anglosassoni, dimostra che si tratta di un sistema creditizio dal risvolto umano che permette agli studenti meno abbienti di crearsi una strada per il futuro.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

I cronisti del nostro tempo

Next Article

Fico: più ricerca e borse di studio

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).