Depressione post parto, in arrivo un nuovo test

depressione post parto

 

Un test economico – dieci sterline, circa undici euro – sara’ in grado di identificare le donne a rischio di sviluppare la depressione post parto. Si tratta di un traguardo importante che permettera’ di prevenire l’insorgenza del disturbo psichiatrico nei primi mesi della gravidanza, evitando che le condizioni psicofisiche delle pazienti precipitino subito dopo la nascita del bebe’. L’esame del sangue e’ il primo al mondo ad offrire un indicatore precoce della depressione postnatale e potrebbe ridurre drasticamente il numero di neomamme che ne soffrono ogni anno.

Il test utilizza un campione di sangue delle donne incinte durante le prime fasi della gravidanza per identificare i geni specifici associati ad una maggiore probabilita’ di sviluppare i sintomi depressivi. L’esame dovrebbe essere disponibile tra cinque anni ed e’ il risultato di uno studio condotto da Dimitris Grammatopoulous dello University Hospitals Coventry and Warwickshire NHS Trust che ha spiegato al Daily Telegraph: “E’ un test estremamente importante che ci aiutera’ ad intervenire in tempo su un disturbo molto diffuso tra le donne in attesa, giocando in anticipo per arrestare lo sviluppo della malattia”. L’esame si basa sul rilevamento di due varianti genetiche che sono state associate ad un rischio cinque volte maggiore di sviluppare depressione post parto.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ragazzo si lancia nel vuoto ad Ischia: "Ho perso tutto alle slot, scusa mamma"

Next Article

Compiti per le vacanze? I genitori dicono no

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.