Ddl sull’Università, Andu all’attacco

Quando qualche giorno fa il ministro dell’Università aveva annunciato lo slittamento della presentazione in Consiglio dei ministri del DDL sulla governance e il reclutamento, l’Associazione nazionale dei docenti universitari ha subito messo i puntini sulle i.
In occasione dell’annuncio il ministro aveva anche dichiarato che il testo “al suo interno recepisce alcune proposte che sono state avanzate proprio dalle opposizioni”. Ed è questo che non è andato giù ai docenti. “Il Ministro si sbaglia – hanno chiarito in una nota -:il DDL governativo non contiene ‘alcune proposte’, ma quasi SOLO quello che è stato elaborato negli ultimi anni dagli ‘accademici’ del PD ora e dei DS prima (rettore-padrone, commissariamento delle Universita’ e dei docenti, “superamento” del valore legale dei titoli di studio, ecc.).
All’Ansa il ministro qualche giorno fa aveva detto: “La riforma dell’università è pronta, c’è. Ma la presentiamo dopo il 6 giugno per toglierla dalle dinamiche della campagna elettorale”. Perché “solo presentando la riforma dopo le elezioni si potra’ avere un dibattito sereno”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Un bando dall'inventore dell'ovetto Kinder

Next Article

Univaq, aiuti concreti per ripartire

Related Posts
Leggi di più

Pisa, manganellate agli studenti alla manifestazione per Gaza

Scontri questa mattina nel centro della città toscana durante il corteo in favore della Palestina. Le forze dell'ordine hanno caricato i ragazzi che cercavano di entrare in piazza dei Cavalieri. "Sconcerto" da parte dell'Università.
Leggi di più

Elezioni Europee, ok al voto per gli studenti fuorisede

Via libera in Commissione Affari costituzionali alla proposta di far votare alle prossime elezioni in programma per l'8 e il 9 giugno chi studia in un Comune diverso da quello di residenza. Bisognerà però fare un'apposita richiesta 35 giorni prima.