Ddl Gelmini: l'ok a giugno

Mentre i risultati delle proteste tardano ad arrivare, la riforma dell’università viaggia spedita verso la sua approvazione definitiva.

Mentre i risultati delle proteste tardano ad arrivare, la riforma dell’università viaggia spedita verso la sua approvazione definitiva. A metà giugno nell’aula del Senato il ddl Gelmini diventerà realtà, nonostante le proteste, l’astensione dalla docenza dei ricercatori e i sit-in davanti al Senato. E ad accontentare una piccola parte del mondo universitario ci sarà qualche emendamento, buttato qui e là con lo scopo di placare un pochino gli animi.
I punti di maggior rilievo della riforma dell’Università, che ha già ottenuto il via libera della Commissione Bilancio del Senato, restano due: il governo dell’Università sarà nelle mani di Senato accademico, Rettore e Consiglio di amministrazione; lo status giuridico dei docenti sarà rivoluzionato, ma soprattutto cambierà il metodo del loro reclutamento.
Anna Di Russo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

I giovani e la rete: un rapporto consapevole

Next Article

Stage. Divisione Risorse Umane

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".