Dall’accusa di assenteismo la proposta di partecipazione

Politecnico di Bari. La risposta agli studenti, un richiamo alla partecipazione e al protagonismo.

La lettera di Michele Ciavarella agli studenti

Accusano i docenti di assenteismo. Sono gli studenti dell’Associazione studentesca Cinetyk e del Comitato studentesco Jonico (CSJ) del Politecnico di Bari che, in una lettera indirizzata al Rettore e al Preside della II facoltà di Ingegneria inviata il 1 febbraio, manifestano il loro disagio per essere privati delle necessità più basilari quali ricevimenti e colloqui. Non ci sta il Prof. Michele Ciavarella del Centro di Eccellenza in Meccanica Computazionale che, nonostante non si senta tirato direttamente in ballo, rinvia al mittente l’accusa e incalza: “Come mai alle lezioni mie e di molti colleghi ci sono assenteismi cronici di studenti? Come mai sono a bizzeffe gli studenti che chiedono come evitare scritti, pagine di libri, come salvare esoneri di anni passati? Un invito prima all’autocritica, dunque, e non simpliciter per difendere la categoria dei docenti, piuttosto per incitare un risveglio nei giovani, un richiamo alla partecipazione e al protagonismo. La risposta di Ciavarella, formulata in dieci domande, contiene anche delle proposte: “Perché non promuovete azioni culturali, eventi, coinvolgendo anche i professori? Sareste disposti ad organizzare una giornata su questo tema assenteismo docenti, studenti e interesse?La parola agli studenti.

i.b.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Foibe, il ricordo

Next Article

Musica Glocal a Marcianise

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"